Battisti, è caccia a rete protezione

Battisti, è caccia a rete protezione
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 25 GEN - Entra nel vivo l'inchiesta della Procura di Milano e della Digos sulla rete dei fiancheggiatori che avrebbe protetto la fuga di Cesare Battisti, il terrorista dei Pac condannato per quattro omicidi, catturato in Bolivia il 12 gennaio e ora in carcere a Oristano. Gli investigatori, infatti, hanno trasmesso agli inquirenti una relazione riepilogativa, con una serie di spunti investigativi sulle indagini condotte a partire dallo scorso ottobre, e che hanno messo fine alla sua latitanza durata quasi 40 anni. In particolare, tutti i dettagli dell'indagine 'tecnica' che ha consentito di individuare le utenze con cui il terrorista è stato in contatto negli ultimi due mesi (una quindicina inizialmente tra cellulari, tablet e pc, poi ridotti a non più di tre) sono stati al momento trasmessi alla Procura generale, che ha coordinato le indagini che hanno portato all'arresto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il ministro dell'Interno britannico in Italia: "Soluzioni innovative per fermare i migranti"

Senato Usa approva pacchetto da 95 miliardi per Ucraina e Israele, Biden: armi a Kiev in settimana

Gaza, Borrell: "Distruzione nella Striscia peggiore che in Germania nella Seconda guerra mondiale"