ULTIM'ORA

GIM:Diritti e dignità per i migranti

GIM:Diritti e dignità per i migranti
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dignità è il tema della giornata internazionale per i migranti quest'anno. Nel 2018, 3,400 migranti e rifugiati hanno perso la vita, tra loro almeno 2000 cercavano di arrivare in Europa.

Convinti della necessità di un approccio comune sull'immigrazione e nel rispetto dei diritti umani, una settimana fa 164 paesi hanno firmato un accordo il Global Compact delle Nazioni Unite sulle migrazioni.

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) controllerà l'impegno dei paesi nel rispettare il patto. In un messaggio, il direttore generale dell'OIM António Vitorino,ha ribadito che il cambiamento climatico aumenterà i flussi migratori nei prossimi anni

" Disatri naturali e emergenze sanitarie come l'Ebola in alcune parti dell'Africa forzano sempre piu' persone a partire. Guerre, cambiamento climatico, disegugalianze economiche contribuiscono alla tendenza di vedere l'emigrazione come una via di salvezza per individui, famiglie e comunità".

Ci sono 258 milioni di migranti nel mondo che rappresentano il 3,4 per cento della popolazione . Almeno 40 milioni sono bambini e giovani che studiano.

La maggioranza dei migranti si trova in Asia, Africa e Sud America, con solo un terzo (circa 75 million) che vive in Europa.

La direttrice della Piattaforma per la Cooperazione Internazionale per i migranti senza documenti (Picum) ,Michele LeVoy, afferma che lo status di irregolare ha divers significati:

"I migranti spesso sono senza documenti, ma questo non dipende da loro. Pensiamo al caso di violenze di genere, per esempio ; donne che si sposano e lavoratori, come le collaboratrici domestiche, che subiscono violenze di genere e perdono il loro status.

Tra quattro anni ci sarà la prima valutazione sull'impatto del Global Compact.

"I governi devono sviluppare e implementare piani di azione , e dovrebbero coinvolgere la società civile , i sindacati, le autorità locali" afferma la direttrice di Picum.

Un terzo dei paesi europei non sembra partecipare all'impegno per regolare i flussi migratori: Bulgaria,Ungheria, Austria, Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca non hanno firmato l'accordo.

In dubbio Belgio, Italia, Croazia e Malta. In Italia testo è in discussione alla Camera, personalità della cultura e della politica hanno lanciato un appello affinchè il Governo lo firmi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.