Uccide figlia, per altro morte cerebrale

Uccide figlia, per altro morte cerebrale
Procura lancia appello, cerchiamo padre per ok espianto organi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Le condizioni del secondo bimbo lanciato dalle scale dalla mamma nel carcere di Rebibbia sono "gravissime", ed è in programma "l'accertamento della morte cerebrale". Lo scrive l'ospedale Bambino Gesù di Roma. "Le condizioni del bimbo sono purtroppo gravissime - si legge in un comunicato - Le ultime indagini necessarie per la valutazione del quadro clinico hanno confermato la condizione di coma areflessico con elettroencefalogramma isoelettrico. Prosegue supporto rianimatorio avanzato". Intanto la Procura di Roma lancia un appello per rintracciare il padre al fine di sbloccare la procedura di espianto degli organi dopo l'avvio dell'accertamento della morte cerebrale di Divine, ricoverato nell'ospedale Bambino Gesù. Del padre gli inquirenti forniscono il nome: si tratta di Ehis E., di nazionalità nigeriana. "L'uomo può contattare - spiegano gli inquirenti - la direzione sanitaria dell'ospedale Bambino Gesù allo 06.68592424, o i carabinieri del nucleo Investigativo di via in Selci al numero 06.48942931".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele al Consiglio di Sicurezza dell'Onu: "Condannate l'attacco dell'Iran"

Come viene visto l'attacco a Israele in Iran?

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele