EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

10 anni fa il crac di Lehman Brothers

10 anni fa il crac di Lehman Brothers
Diritti d'autore REUTERS/Andrew Winning
Diritti d'autore REUTERS/Andrew Winning
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stati Uniti ed Europa hanno avuto due approcci differenti alla crisi: la Federal Reserve avviò subito il suo Quantitative Easing. Il Presidente della BCE, Mario Draghi, è riuscito a varare il programma per immettere liquidità nel sistema finanziario solo nel marzo 2015.

PUBBLICITÀ

Il 15 settembre 2008 Lehman Brothers, la quarta maggiore banca d'investimento degli Stati Uniti, dichiara il default. È l'inizio della crisi finanziaria globale che, a 10 anni esatti di distanza, fa ancora sentire il suo peso.

Una crisi le cui radici affondano nel boom immobiliare. Quando però i possessori di mutui subprime - prestiti ad alto rischio finanziario - cominciano a non pagare più le rate a causa de rialzo dei tassi d'interesse, scattano i pignoramenti che mettono in moto la crisi che si estende presto dai mercati finanziari all'economia reale.

Stati Uniti ed Europa hanno avuto due approcci differenti alla crisi: nemmeno un mese dopo il crac Lehman, George W. Bush mise sul piatto centinaia di miliardi di dollari per purgare dai titoli tossici i bilanci delle banche, mentre la Federal Reserve avviava il suo Quantitative Easing.

Nel Vecchio Continente, il Presidente della BCE, Mario Draghi, è riuscito a varare il programma per immettere liquidità nel sistema finanziario solo nel marzo 2015.

Nel frattempo, erano saltati i governi - tra i quali quello italiano - e in Grecia era esplosa una crisi che vedeva particolarmente esposte le banche di Francia e Germania. Nel 2014, Berlino ha ridotto notevolmente l'esposizione bancaria verso Atene aumentando quella pubblica a 61,7 miliardi di euro, così come Parigi, esposta per 46,5 miliardi di euro. La crisi finanziaria era diventata crisi del debito. I contribuenti europei, a conti fatti, hanno salvato le banche di Francia e Germania molto più che il popolo greco.

L'economia dell'eurozona ha raggiunto picchi superiori a quelli pre-crisi solo nel 2014. Negli ultimi quattro anni la crescita è stata in media del 2%, con differenze vistose a seconda dei paesi. Il livello dei consumi in Italia e Spagna è ancora inferiore rispetto a dieci anni fa, mentre in Germania e Francia è cresciuto del 10%. Secondo l'ultimo resoconto della Bce i salari in Italia e Spagna sono ancora significativamente più bassi rispetto al periodo pre-crisi e la crescita italiana ristagna.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lehman 10 anni dopo: il punto di Banca Etica

Mea culpa dell'Ocse sulla crisi finanziaria

Eurogames23, tanti atleti in gara ma flop di pubblico