ULTIM'ORA

Google torna in Cina con l'autocensura

Google torna in Cina con l'autocensura
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel 2010, aveva interrotto i suoi servizi per protestare contro le crescenti restrizioni imposte da Pechino, ora si prepara a lanciare una versione "filtrata" che bloccherà siti e ricerche su diritti umani, democrazia, religione.

Google è pronta a tornare sui suoi passi e sta lavorando alla nuova versione asiatica dall’inizio del 2017: secondo fonti interne, rimaste ovviamente anonime, si tratta un’app di Android, che oscurerebbe alcune chiavi di ricerca e fonti non gradite al Governo cinese, dettagliate in una "lista nera".

Tra i contenuti banditi, ci sarebbero non solo testi, ma anche immagini.

Il progetto sarebbe già stato presentato al Governo di Pechino: in caso di via libera, che riaprirebbe le porte ad un mercato potenziale di circa 750 milioni di utenti, Google potrebbe avere una propria versione cinese entro sei-nove mesi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.