ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'arte dei piccoli Rohingya

Lettura in corso:

L'arte dei piccoli Rohingya

L'arte dei piccoli Rohingya
Dimensioni di testo Aa Aa

Siamo in Bangladesh, nel campo di Kutupalong, dove oltre 900mila persone di etnia Rohingya hanno trovato rifugio dalla repressione dell’esercito birmano.

Qui sono arrivati i colori di due artisti di New York, Max Frieder e Joel Bergner, che in collaborazione con l’Unicef organizzano corsi per i piccoli abitanti del campo. Un’esperienza che ai bambini piace molto e che sta cambiando l’aspetto delle capanne e non solo.

"Bambini, adolescenti e famiglie possono raccontare le loro storie alle loro comunità. Quindi possono creare delle opere d’arte che possa far loro comprendere che quello che dicono è importante. Invece di essere vittime o sopravvissuti, possono diventare agenti del cambiamento sociale nelle loro comunità", spiega Max Frieder.

Secondo gli artisti, che fanno parte del collettivo Artolution, l’arte aiuta i bambini a dimenticare gli orrori visti in Birmania.

Grazie alla collaborazione con l’Unicef alcune opere vengono esposte a New York.