Elezioni farsa in Egitto: Al-Sisi contro Al-Sisi

Elezioni farsa in Egitto: Al-Sisi contro Al-Sisi
Diritti d'autore REUTERS(Ammar Awad
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Aperti i seggi per le prime elezioni presidenziali egiziane dal tempo della Primavera Araba: ma il generale Al-Sisi non ha rivali, dopo aver arrestato o costretto al ritiro almeno cinque concorrenti alla poltrona di presidente, tra cui il nipote di Sadat.

PUBBLICITÀ

Si sono aperti i seggi nelle elezioni presidenziali in Egitto, le prime sette anni dopo la Primavera Araba, mentre il presidente in carica, il generale Abdel Fattah Al-Sisi cerca di ottenere un secondo mandato.

Le urne rimarranno aperte per tre giorni, fino a mercoledì, e un vincitore assoluto sarà annunciato solo il 2 aprile dopo due turni di votazione. Scontato il successo di Al-Sisi. 

Il presidente non ha praticamente rivali: l'unico sfidante è Mousa Mostafa Mousa, un sostenitore del generale fino a poco tempo prima delle elezioni, ma che ha dichiarato: "Non sono qui per sfidare il presidente".

Il voto è stato criticato per le sue discutibili credibilità, praticamente una farsa: in molti vedono la candidatura di Mousa, un "uomo di paglia", come una finzione per dare una parvenza di serietà alle elezioni.
Del resto, negli ultimi mesi, Al-Sisi ha tolto di mezzo tutti i potenziali rivali: ai Fratelli Musulmani è stata vietata la vita politica e il loro candidato Sami Anan è stato arrestato. In carcere anche l'avvocato Khaled AlÌ, fermato durante una manifestazione. Il colonnello Ahmed Kensowa è stato condannato a sei anni di carcere, mentre l'ex primo ministro Ahmed Shafik è stato costretto a ritirarsi per le minacce ricevuto. Stesso trattamento anche per Mohamed Anwar el-Sadat, il nipote dello storico presidente egiziano. 

Disastroso il bilancio di Al-Sisi in questi anni di presidenza: l'Egitto patisce una forte crisi economica e - dicono organismi internazionali - il degradamento dei diritti umani e civili. 
Tra i casi più spinosi, anche quelli del ricercatore italiano Giulio Regeni, assassinato in Egitto in circostanze ancora misteriose.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Egitto: urne aperte fino a mercoledi, scontata la vittoria di Al-Sisi

Eid al-Fitr: festeggiare la fine del Ramadan a Roma

Gaza, Hamas: "Con Israele troppo distanti", negoziati di pace già in salita