EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Migranti: Moas lascia il Mediterraneo

Migranti: Moas lascia il Mediterraneo
Diritti d'autore 
Di Selene Verri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Ong non vuole essere "complice" delle violazioni dei diritti umani in Libia e sposta le operazioni nel sud-est asiatico

PUBBLICITÀ

Due navi in meno nel Mediterraneo per soccorrere i migranti. Sono la Phoenix e la Topaz Responder della Moas, organizzazione non governativa che ha deciso di sospendere le operazioni di ricerca e soccorso per spostarsi nel sud-est asiatico. L’ong ha giustificato la decisione evocando la situazione in Libia dove, spiega in un comunicato, “non è chiaro cosa succeda ai danni delle persone più vulnerabili”. L’organizzazione basata a Malta afferma di non voler “diventare parte di un meccanismo in cui, mentre si fa assistenza e soccorso in mare, non ci sia la garanzia di accoglienza in porti e luoghi sicuri”. Le attenzioni della Moas andranno quindi ora ai Rohingya in fuga da Myanmar.

#MOAS continues to be driven by the principles of #courage, #mercy and universal #brotherhood. #RescueHumanity 1/2https://t.co/vrBympXbCo

— MOAS (@moas_eu) 4 settembre 2017

La Migrant Offshore Aid Station non è la prima a sollevare la questione della Libia. La settimana scorsa da Augusta un portavoce dell’Agenzia Onu per i rifugiati, Marco Rotunno, commentava così il calo di arrivi via mare nelle ultime settimane: “Un minor numero di arrivi non vuol dire che la gente non sia in pericolo e che non abbia bisogno di ricevere protezione in Libia, perché ci sono centinaia di migliaia di persone in questo momento che sono detenute in centri in Libia, dove non è garantita non solo la protezione internazionale ma anche i beni di prima necessità”.

La Moas è stata accusata da una parte della stampa italiana di collusioni con i trafficanti, ma non risulta fra le organizzazioni sotto inchiesta da parte dei magistrati italiani. È stata una delle prime ong, insieme a Save the Children e Sea-Eye, a firmare il codice di condotta del Viminale.

MOAS

Tutte le foto sono state fornite da Moas, che ringraziamo

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Decine di lavoratori migranti morti in un rogo nel sud del Kuwait

Meloni in Albania: Tirana ringrazia Roma, critiche dalle opposizioni

Gaza, carestia nel nord della Striscia denuncia ong: Netanyahu annuncia "azione forte in Libano"