Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

UE: incendi boschivi triplicati nel 2017

UE: incendi boschivi triplicati nel 2017
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa
  • Esclusivo: * Il numero di incendi boschivi nell’UE nel 2017 è triplicato, secondo le cifre ottenute da un’inchiesta condotta da Euronews, inerente un’area per estensione pari quasi al Lussemburgo.

Ci sono stati 677 incendi in questi mesi del 2017 – enorme l’aumento rispetto alla media calcolata negli ultimi otto anni.

Gli esperti hanno puntato l’indice contro il cambiamento climatico, reo di aver esteso la “stagione tradizionale” del fuoco, preannunciando che la situazione è potenzialmente destinata a peggiorare.

Portogallo, Italia e Croazia hanno combattuto nei giorni scorsi anche con temperature elevate e piovosità inferiori a quelle normali.

Meno di un mese fa, “64 persone sono morte in un incendio forestale in Portogallo”: http: //www.euronews.com/2017/06/23/scorched-aftermath-of-deadly-portuguese-widlfires, con molte vittime perite nelle loro vetture mentre cercavano di fuggire.

Colpa del riscaldamento globale h3>

Thomas Curt, ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Ricerca per l’Ambiente e l’Agricoltura, ha dichiarato che “il riscaldamento globale è un fattore del fuoco mortale in Portogallo e il cambiamento climatico ha esteso la stagione degli incendi da due a cinque mesi” //www.euronews.com/2017/06/18/what-impact-did-climate-change-have-in-portugal-s-deadly-wildfire.

Alexander Held, esperto dell’European Forest Institute, ha avvalorato la tesi di Curt, dichiarandoche “la Spagna brucia, ma non è una sorpresa: vedremo più incendi nel Mediterraneo e nuovi focolai in Paesi che non se lo aspettano”.

Held ha detto che la Germania, i Paesi Bassi, la Danimarca, l’Austria e la Svizzera potrebbero essere tra i Paesi che vedranno più incendi rispetto a quelli abituali.

Lo scorso anno, uno studio condotto dall’Università di Leicester ha rivelato che “la Catalogna, Madrid e Valencia le aree europee più a rischio per incendi che minacciano la gente”: http: //www2.le.ac.uk/offices/press/press-releases/ 2016 / marzo / Wildfire-map-rivela-paesi-in-europa-più-a-rischio-di-catastrofica-fire-danni.

‘Investire nella prevenzione’ h3>

“Abbiamo situazioni meteorologiche estreme rispetto al passato, questo è il cambiamento climatico”, continua Held, il quale ha chiesto di fare di più per prevenire gli incendi.

La politica del fuoco selvaggio h3>

“Prendiamo il 10% del bilancio antincendio e investiamolo nella gestione strategica della vegetazione”, ha ribadito.

“La lotta al fuoco è costosa, con tutti i veicoli e le risorse aeree da utilizzare, occorre ottimizzarle e magari effettuare un’analisi dei rischi: al momento, è tutto molto trascurato, la lotta contro il fuoco è molto politica e imprenditoriale; se un politico ordina più elicotteri, è considerato un politico attivo, di contro nessun mezzo di comunicazione mostrerà alcun interesse per il lavoro di prevenzione”.

  • La tua opinione *

Cosa ne pensi? Hai una storia da raccontare riguardo gli incendi? Scrivi a: chris.harris@euronews.com