ULTIM'ORA

Moschea distrutta a Mosul "segnale di resa dell'Isil"

Moschea distrutta a Mosul "segnale di resa dell'Isil"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La distruzione della moschea al-Nuri e del minareto Al-Hadba di Mosul è “una dichiarazione ufficiale di sconfitta” da parte dell’Isil. Lo sostiene il premier iracheno Haider al-Abadi raccontando che l’Isil li ha fatti saltare in aria quando l’esercito di Baghdad era arrivato a 50 metri dal luogo dove, nel 2014, Abu Bakr Al-Baghdadi, aveva annunciato la creazione del Califfato.

Per gli iracheni si tratta di un crimine storico.

“L’Isil ha mostrato la sua mostruosità con la distruzione dell’Iraq e specificamente il minareto di Hadba – dice il giornalista Ameer al-Khfajy – Chiediamo a tutte le organizzazioni della società civile irachena e alle organizzazioni per i diritti umani di inquadrare questi crimini come crimini terroristici”.

La distruzione della moschea segna un punto di svolta nella battaglia per la riconquista di Mosul, iniziata circa otto mesi fa e che ha causato la fuga di 850mila persone. Le forze di sicurezza hanno ucciso anche il responsabile del materiale esplosivo dell’Isil a Mosul ovest.

Le organizzazioni internazionali stimano che oltre 100mila civili, di cui la metà sono bambini, siano ancora intrappolati nella Città Vecchia, l’ultimo quartiere ancora controllato dai miliziani jihadisti.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.