Da schiava del sesso ad ambasciatrice. L'odissea yazida alle Nazioni Unite

Da schiava del sesso ad ambasciatrice. L'odissea yazida alle Nazioni Unite
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nadia Murad accolta da un Ban Ki-moon "commosso fino alle lacrime". La moglie di Clooney: "Mi vergogno per l'impotenza dell'ONU"

PUBBLICITÀ

Le Nazioni Unite nominano ambasciatrice delle vittime del traffico degli esseri umani un cocente simbolo delle proprie sconfitte.

#Yazidi survivor of #ISIL’s #humantrafficking appointed @UN Goodwill Envoy for victims https://t.co/Jxga88tYf7pic.twitter.com/s664yEjjOi

— UN News Centre (@UN_News_Centre) 16 settembre 2016

Qui il comunicato delle Nazioni Unite con il resoconto della nomina di Nadia Murad

Accolta da un Ban Ki-moon che si è detto “commosso fino alle lacrime”, l’ex schiava del sesso irachena – ora nominata al Nobel per la pace – Nadia Murad, ha tenuto venerdì all’Assemblea un vibrante discorso sull’odissea della comunità yazida a cui appartiene.

L’ex schiava del sesso all’Assemblea: “Noi Yazidi vittime di un genocidio”

“Come sapete, la notte del 3 agosto 2014 tutto è cambiato. L’ISIL ha iniziato a rapirci, a ucciderci, a violentare le nostre donne. È stato un genocidio. Migliaia di Yazidi sono stati uccisi e migliaia di donne e bambini sono stati rapiti, solo perché Yazidi. Insieme ad altri, io sono stata portata a Mosul. Sono stata usata. Hanno fatto di me quello che volevano, ma sono stata fortunata. Con il passare del tempo ho trovato il modo di scappare, mentre altri non ce l’hanno fatta. E sono ancora nelle mani dell’ISIL”. ### L’accusa della moglie di Clooney: “Mi vergogno. L’ONU è stata impotente”

Amal Clooney said the U.N. has failed the persecuted Yazidi group https://t.co/TyLUHuSAvl via @NewsweekEurope#yazidis

— Kaiwan Bahroz (@kaiwanbahroz) September 18, 2016

Ad accompagnarla l’avvocato libanese per i diritti umani e moglie di Clooney, Amal Alamuddin Clooney, che ha fustigato l’ONU per la sua incapacità a impedire questi crimini. “Vorrei poter dire che sono orgogliosa di essere qui – ha detto – ma invece mi vergogno del fatto che l’ONU non abbia saputo impedire e prevenire un simile genocidio”.

L’odissea degli Yazidi: perseguitati dall’ISIL perché considerati eretici

Gli Yazidi sono una minoranza curdofona perseguitata dagli jihadisti perché accusata di eresia dall’ortodossia islamica. Più di 3.000 quelli che si stima siano ancora nelle mani del sedicente Stato Islamico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Libano: quattro feriti dopo un bombardamento, Onu avvia un'indagine

Corea del Nord, la Russia pone il veto alla risoluzione sul monitoraggio delle sanzioni per le armi

Gaza: nessuna tregua dopo l'approvazione della risoluzione Onu, Austin vede Gallant, Haniyeh in Iran