EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Entebbe, 40 anni dopo Netanyahu ricorda il dirottamento

Entebbe, 40 anni dopo Netanyahu ricorda il dirottamento
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Entebbe è un nome che quarant’anni dopo dice ancora molto nella memoria collettiva israeliana, e il premier, Benyamin Netanyahu, ha celebrato l’anniversario nello stesso aeroscalo ugandese in cui suo

PUBBLICITÀ

Entebbe è un nome che quarant’anni dopo dice ancora molto nella memoria collettiva israeliana, e il premier, Benyamin Netanyahu, ha celebrato l’anniversario nello stesso aeroscalo ugandese in cui suo fratello Yoni morì, unico soldato israeliano a cadere nell’assalto con cui furono liberati oltre 100 ostaggi tenuti sotto tiro da quattro terroristi. Era poco prima dell’alba del 4 luglio 1976.

“Quando il terrorismo ha successo in un posto, si estende ad altri posti, e quando è sconfitto in un luogo si indebolisce ovunque”, ha detto Netanyahu. “Per questo – ha aggiunto – Entebbe fu più di una vittoria israeliana, fu una vittoria per tutta l’umanità nella lotta contro quelli che minacciano la nostra civiltà e i nostri valori condivisi”.

Due terroristi del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina e due tedeschi avevano dirottato il volo Tel Aviv-Parigi, alla ripartenza da uno scalo tecnico ad Atene. Lo fecero atterrare a Entebbe, dove fu intavolata una trattativa. I sequestratori liberarono alcuni ostaggi, trattenendo israeliani ed ebrei. Poi, grazie anche alle informazioni date dagli ostaggi liberati, scattò l’assalto. Rimasero uccisi i terroristi, tre ostaggi e un soldato, il fratello di Netanyahu.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto