EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Polonia. Corte Costituzionale boccia riforma giustizia, ma il governo disconosce la sentenza

Polonia. Corte Costituzionale boccia riforma giustizia, ma il governo disconosce la sentenza
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Polonia entra in una fase di scontro aperto tra i poteri dello Stato. La Corte Costituzionale ha bocciato la riforma della giustizia del governo

PUBBLICITÀ

La Polonia entra in una fase di scontro aperto tra i poteri dello Stato. La Corte Costituzionale ha bocciato la riforma della giustizia del governo conservatore. Un testo che comprende anche modifiche del funzionamento della Corte stessa e che i giudici hanno considerato anticostituzionale.

Ma la decisione dei togati, non la prima ad andare contro le riforme messe a punto dall’esecutivo del Premier Beata Szydlo, sarebbe illegittima secondo il governo:

Zbigniew Ziobro, Ministro della Giustizia: “La mia convinzione è la seguente: le posizione assunte della Corte Costituzionale sono posizioni di un gruppo di giudici che non hanno agito nei confini stabiliti dalla legge. Dunque sono illegali. Queste decisioni non hanno valore legale e non sono vincolanti” ha affermato in conferenza stampa.

La vicenda ha ormai varcato i confini polacchi: il testo della riforma sarà esaminato entro il fine settimana anche dalla Commissione di Venezia, organo consultivo del Consiglio d’Europa, ed è oggetto di verifica da parte della Commissione Europea.

Il centro destra di Diritto e Giustizia, al governo da novembre 2015, è stato contestato durante una manifestazione che si è tenuta davanti alla Corte Costituzionale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"