Donne yazide ancora prigioniere dell'Isil, l'appello della Ong "Mother"

Donne yazide ancora prigioniere dell'Isil, l'appello della Ong "Mother"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Assieme per ricordare tutte le donne ancora prigioniere dell’Isil. Centinaia di Yazidi si sono riuniti a Dohuk, nel Kurdistan iracheno, per mandare

PUBBLICITÀ

Assieme per ricordare tutte le donne ancora prigioniere dell’Isil.

Centinaia di Yazidi si sono riuniti a Dohuk, nel Kurdistan iracheno, per mandare un messaggio alla comunità internazionale. I miliziani nell’estate del 2014 hanno preso il controllo dell’area attorno a Sinjar. Migliaia di donne e ragazze sono state rapite e soltanto alcune sono state liberate dietro il pagamento di un riscatto.

“Vogliamo dire che, oltre un anno e mezzo dopo i rapimenti, le donne yazide vengono ancora uccise, violentate o vendute come schiave. Siamo nel ventunesimo secolo e ci sono ancora persone vendute come schiave. Siamo tornati indietro al Medioevo”, dice Susan Safar, direttrice dell’organizzazione “Mother”.

Il governo curdo locale riusciva a ricompensare le famiglie che si erano svenate per pagare il riscatto, ma ora ha smesso a causa della crisi finanziaria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Razzo dell'Isil sulla Turchia, muoiono un bambino e una donna

Medio Oriente: gli Stati Uniti attaccano milizie filo-iraniane in Iraq e Siria

Iraq: al via i colloqui per la fine dell'operazione militare contro l'Isis