ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venerdì l'Iran al voto. Un test di fiducia per il Presidente Hassan Rohani

Lettura in corso:

Venerdì l'Iran al voto. Un test di fiducia per il Presidente Hassan Rohani

Venerdì l'Iran al voto. Un test di fiducia per il Presidente Hassan Rohani
Dimensioni di testo Aa Aa

A due giorni dalle elezioni legislative in Iran, il campo moderato sa che il voto è un test nei confronti del governo di Hassan Rohani e che il risultato influirà sulla sua possibile rielezione nel 2017.

Il leader moderato Mohammad-Reza Aref ha il sostegno degli ex-Presidenti Mohammad Khatami e Akbar Rafsandjani. Cuore del suo discorso: l’economia.

“Nell’ultima esperienza di governo riformista, come quella attuale, abbiamo avuto successo in diversi campi a partire dall’economia. Dio voglia che riusciamo a continuare sul medesimo cammino” ha detto Aref.

Il tema centrale della campagna elettorale, nell’era post-sanzioni, è esattamente lo stesso anche per Gholam Ali Hadad Adel candidato dei conservatori i quali, per più di un decennio sotto la presidenza di Ahmadinejad, hanno dominato le istituzioni politiche della Repubblica Islamica.

“Oggi il principale problema del Paese è l’economia e il futuro Parlamento deve fare i conti con questa situazione” ha detto Hadad Adel.

Venerdì 55 milioni di persone eleggeranno sia i 290 deputati del Parlamento di Teheran che l’Assemblea degli Esperti composta da 86 membri. Sono questi esponenti religiosi incaricati di nominare la prossima Guida suprema, successore dell’Ayatollah Khamenei.