EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Egitto: un gruppo di attiviste scende in piazza contro la violenza sulle donne

Egitto: un gruppo di attiviste scende in piazza contro la violenza sulle donne
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Egitto è con i loro volti e con la loro presenza coraggiosa che un gruppo di attiviste ha deciso di protestare contro la violenza sulle donne. Di

PUBBLICITÀ

In Egitto è con i loro volti e con la loro presenza coraggiosa che un gruppo di attiviste ha deciso di protestare contro la violenza sulle donne. Di fronte alla sede del’associazione sindacale della stampa del Cairo hanno denunciato una deriva che nei paesi arabi è un dramma quotidiano.
Un fenomeno che paradossalmente è peggiorato dopo le primavere arabe.

“Le donne – dice una manifestante – sono soggette ad ogni forma di violenza e vengono addirittura colpevolizzate. I mariti le picchiano sostenendo che si si sono comportate male”.

“In Egitto – aggiunge un’altra attivista – ci sono diversi tipi di violenza, ma la più atroce è quella che costringe le donne a continuare ad avere figli fino alla nascita di un maschio. Una violenza, denominata gravidanza forzata, che conduce alla morte moltissime donne “.

In Egitto il 99% delle donne sono vittime di violenze, fisiche o verbali. Ogni anno si contano almeno 200 mila stupri.

“Nei paesi arabi – dice il corrispondente di euronews, dal Cairo, Mohammed Shaikhibrahim, euronews, Il Cairo”. – il tasso di violenza contro le donne è uno dei più alti al mondo. Nonostante la drammaticità della situazione la protesta ha visto la partecipazione di un numero limitato di donne, ma da qui parte un forte messaggio verso la comunità araba che tende a nascondere il problema per il prevalere delle norme sociali esistenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Cosa pensano i georgiani della nuova legge sull'influenza straniera?

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"