Al convegno sionista mondiale premier Netanhyahu afferma: "Hitler non voleva uccidere ebrei, solo espellerli dalla Germania".

Al convegno sionista mondiale premier Netanhyahu afferma: "Hitler non voleva uccidere ebrei, solo espellerli dalla Germania".
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non sono le parole di un feroce antisemita. A pronunciarle è stato il premier israeliano Benjamin Netanyahu al convegno internazionale sionista

PUBBLICITÀ

Non sono le parole di un feroce antisemita. A pronunciarle è stato il premier israeliano Benjamin Netanyahu al convegno internazionale sionista. Frasi che hanno scatenato ferocissime reazioni fuori e dentro il Paese visto che l’eliminazione degli ebrei era stata teorizzata nel “Mein Kampf” dello stesso Hitler. La tristemente nota “soluzione finale”.

“Gli attacchi contro gli ebrei nel 1920, 1921 e 1929 sono stati suggeriti dal mufti di Gerusalemme dell’epoca. Personaggio poi accusato al processo di Noriberga. Hitler all’inizio non voleva sterminare gli ebrei, ma solo espellerli. Fu il mufti al-Husseini a suggerire lo sterminio a Hitler dicendo se li espelli verranno tutti qui in Palestina. Bruciali tutti”.

Ma le cose non stanno proprio così secondo molti storici dell’olocausto. Al Husseini era un razzista e antisemita panarabo che collaborò con i nazisti in più occasioni e venne accusato di crimini di guerra, ma l’idea dello sterminio di massa degli ebrei era già stata pianificata da Hitler anni prima.

Questo il testo completo del *discorso del premier:

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Incontro Merkel-Netanyahu: "Smorzare la tensione in Medio Oriente"

Eid al-Fitr: il mondo musulmano celebra la fine del Ramadan

La Germania puo' essere imparziale sulla guerra a Gaza?