EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Crisi migranti: fra i siriani che non vogliono farsi identificare. Troppo il timore che sia una trappola

Crisi migranti: fra i siriani che non vogliono farsi identificare. Troppo il timore che sia una trappola
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Ungheria è il caos. La polizia magiara ha tolto i blocchi attorno al campo di Röske e i migranti hanno iniziato a camminare nei campi e sulle

PUBBLICITÀ

In Ungheria è il caos. La polizia magiara ha tolto i blocchi attorno al campo di Röske e i migranti hanno iniziato a camminare nei campi e sulle strade circostanti allontanandosi dalla tendopoli di fortuna a circa un chilometro dal muro voluto dal premier Viktor Orban. Hanno però timore di essere identificati e non poter arrivare in Europa centrale.

I bus continuano però ad affluire per portare alcune di queste persone al confine con l’Austria

Almeno 3700 persone sono riuscite a passare il confine nord.

“Sinceramente non so se accettare che mi prendano le impronte o evitare di farlo”, dice un uomo che proviene da Aleppo, in Siria.

Il problema è come sempre la fiducia e il caos di questi giorni. Le regole del trattato di Dublino dicono che si può fare domanda di asilo nel primo paese dove si arriva, in questo caso l’Ungheria. I rifugiati puntano a Germania, Austria ed Europa del nord e non sanno se farsi identificare in terra magiara potrebbe impedire loro di raggiungere le mete a cui aspirano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Ungheria: la nuova opposizione guidata da Péter Magyar sfida Orbán