EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Iraq. Ore cruciali per controllo raffineria Baiji, in parte in mano ai jihadisti

Iraq. Ore cruciali per controllo raffineria Baiji, in parte in mano ai jihadisti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I combattimenti tra esercito iracheno e militanti dell’autoproclamato Stato Islamico si intensificano nell’area della più grande raffineria

PUBBLICITÀ

I combattimenti tra esercito iracheno e militanti dell’autoproclamato Stato Islamico si intensificano nell’area della più grande raffineria dell’Iraq, a Baiji.

Secondo un generale dell’esercito di Baghdad gli jihadisti hanno sferrato un nuovo attacco alla raffineria che il 13 aprile le forze di sicurezza irachene dicevano di avere sotto controllo. Il rischio è ora che gruppi di miliziani nascosti tra i serbatoi siano pronti ad incendiarli nel caso di una controffensiva dell’esercito.

La raffineria di Baiji, 200 chilometri circa a Nord di Baghdad, è al centro di duri combattimenti da ormai un anno.

Iraq's leader is asking for U.S. aid as ISIS aims to control his nation's largest oil refinery http://t.co/nv3tdPMqempic.twitter.com/ArbWnvMA9X

— The Situation Room (@CNNSitRoom) 14 Aprile 2015

L’altro fronte caldo della campagna militare delle forze di sicurezza irachene contro gli jihadisti è Ramadi, capoluogo della provincia di Anbar, una delle roccaforti del sunnismo anti-governativo. La città resta in gran parte in mano all’autoproclamato Stato Islamico che controlla anche la totalità di Fallouja, sulla strada verso la capitale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq, parlamento approva la legge per criminalizzare l'omosessualità: fino a 15 anni di reclusione

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti

Medio Oriente: gli Stati Uniti attaccano milizie filo-iraniane in Iraq e Siria