EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Barcellona potrebbe vietare souvenir sessisti e di cattivo gusto

Questo include i prodotti che contengono contenuti "omofobici o sessisti".
Questo include i prodotti che contengono contenuti "omofobici o sessisti". Diritti d'autore Chris Linnett
Diritti d'autore Chris Linnett
Di Rebecca Ann Hughes
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il consiglio comunale di Barcellona sta valutando come vietare i prodotti che contengono contenuti omofobici o sessisti

PUBBLICITÀ

Dagli apribottiglie fallici ai bicchieri da shot brandizzati, i souvenir di cattivo gusto non sono mai difficili da trovare in una località turistica. Ma Barcellona sta cercando di regolamentare quanto questi regali possano essere di cattivo gusto.

Il consiglio comunale della città catalana sta pensando di vietare l'esposizione e la vendita di souvenir "offensivi o di cattivo gusto". Questo includerebbe prodotti con contenuti "omofobici o sessisti". Un consigliere comunale ha definito le bancarelle e i negozi che propongono questi articoli un "disordine squallido" che "degrada" la città.

I souvenir di Barcellona "degradano" la città

Il consigliere Jordi Coronas ha criticato il cattivo gusto dei souvenir esposti nelle strade della Ciutat Vella, il quartiere più antico della città di Barcellona. Tra questi ci sono "peni con il marchio di Barcellona e magliette con messaggi sessisti, omofobi o semplicemente di cattivo gusto". "Svalutano le strade più visitate di Barcellona", ha detto Coronas. "Sono un pasticcio trasandato, che degrada l'immagine di Barcellona come destinazione turistica".

Barcellona pensa di vietare i souvenir "di cattivo gusto".

All'inizio di questa settimana, Coronas e altri consiglieri hanno presentato la loro proposta di regolamentare i souvenir.

La mozione del partito filo-indipendentista Esquerra è stata approvata dalla commissione economica del Consiglio comunale, che ha deciso di esaminare la possibilità di vietare i souvenir "offensivi". La mozione giunge a una settimana dall'inizio delle celebrazioni del Pride in città.

Il vicesindaco di Barcellona Jordi Valls ha dichiarato di appoggiare l'iniziativa e ha promesso che il governo della città esaminerà i modi per limitare l'esposizione e la vendita di souvenir di cattivo gusto. Tuttavia, ha avvertito che sarebbe difficile introdurre regole concrete, poiché la normativa attuale non può stabilire alcun "criterio normativo sul contenuto o sulla qualità estetica del souvenir".

"È difficile standardizzare perché ciò che è considerato di cattivo gusto è una questione molto soggettiva", ha detto. Coronas ha riferito di aver chiesto una "soluzione fantasiosa" per superare le difficoltà nell'introduzione del divieto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Barcellona contro il turismo di massa: entro il 2028 revocate le licenze di 10mila appartamenti

Spagna, i festeggiamenti per i dieci anni di regno di Felipe IV

Spagna: a Madrid le celebrazioni per i dieci anni di regno di Felipe VI