Berna, Copenaghen, Dublino: ecco le migliori città europee per gli expat

Berna è stata classificata per tre anni consecutivi come il posto migliore per gli espatri.
Berna è stata classificata per tre anni consecutivi come il posto migliore per gli espatri. Diritti d'autore Canva
Di Euronews Travel
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Pubblicata la classifica aggiornata delle città europee preferite dagli espatriati. Alcune sono scese in classifica a causa della carenza di case e appartamenti a prezzi accessibili

PUBBLICITÀ

Secondo una classifica di esperti, Berna è di nuovo la città più vivibile d'Europa. L'aria pulita e le strade sicure piazzano la città svizzera al primo posto per il terzo anno consecutivo. Gli analisti della società di consulenza sulla mobilità ECA International hanno valutato più di cinquecento località in tutto il mondo per vedere dove gli espatriati si sentono più a casa.

"Grazie a strutture di prim'ordine, a un inquinamento atmosferico minimo e a un basso tasso di criminalità, Berna è una città molto attraente per gli espatriati e le loro famiglie", dice Neil Ashman, senior location rating analyst. "Le città svizzere, olandesi e scandinave completano la top 10 delle città più vivibili".

Berna non è solo bella sulla carta. Non c'è da stupirsi che le persone siano felici di abitare e vivere nel suo splendido centro storico alle pendici delle Alpi. Ma ci sono stati alcuni movimenti interessanti all'interno della classifica generale, e alcune città europee prima molto popolari hanno perso qualche punto.

Copenaghen e Dublino scendono a causa di problemi abitativi

Copenaghen, che negli anni scorsi è stata addirittura prima, è scesa al quinto posto nella classifica ECA 2023 Location Ratings. Trovare un alloggio a prezzi accessibili è, ovviamente, un criterio cruciale per considerare una città vivibile.

"Copenaghen è ancora una grande città per gli espatriati, molto vivibile, ma negli ultimi tempi ha registrato una carenza di alloggi adeguati che l'ha fatta scendere leggermente in classifica", afferma Ashman.

Anche Dublino ha perso qualche posto a causa delle difficoltà abitative, che l'hanno portata a uscire dalla top 10 rispetto a dieci anni fa. La capitale irlandese si trova ora all'undiciesimo posto, qualche posto più in basso rispetto al settimo posto di dieci anni fa.

In un certo senso, è vittima del suo stesso successo: le destinazioni popolari per gli espatri soffrono di una minore disponibilità di alloggi adeguati. I problemi di disponibilità di alloggi hanno fatto sì che anche Lussemburgo e Düsseldorf siano ormai fuori dalla top 10. Nel caso di Düsseldorf, a ciò si è aggiunto un aumento del punteggio relativo alle "tensioni socio-politiche", spiega l'ECA, a causa della crescente minaccia di attacchi terroristici in Germania nell'ultimo decennio.

Edimburgo e Londra resistono nella classifica degli espatriati

Edimburgo rimane la destinazione britannica più vivibile, con un 17° posto. Anche un'altra città scozzese, Aberdeen, occupa un posto di rilievo (24°), mentre Glasgow, al 47° posto, ottiene un punteggio inferiore a causa dei livelli di criminalità più elevati.

Londra rimane relativamente stabile nella classifica, al 37° posto. "La capitale rimane una città molto attraente per gli espatriati, con strutture eccellenti, una rete di trasporti pubblici completa e opzioni ricreative", afferma Ashman.

La classifica dell'ECA si basa su una serie di fattori di vivibilità, tra cui quelli particolarmente importanti per gli espatriati come l'accesso a una rete sociale e a strutture ricreative e per il tempo libero.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco come organizzare un viaggio a Parigi durante le Olimpiadi (senza spendere un patrimonio)

Da Venezia a Bali: come vengono spesi i ricavi delle tasse di soggiorno

Un vigneto in aeroporto: ecco il progetto per il nuovo aeroporto di Firenze