EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Tassa di soggiorno a Venezia: tutto quello che c'è da sapere per prenotare nel 2024

Venezia ha annunciato la data ufficiale a partire dalla quale i turisti dovranno prenotare la loro visita e pagare una tassa.
Venezia ha annunciato la data ufficiale a partire dalla quale i turisti dovranno prenotare la loro visita e pagare una tassa. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Rebecca Ann HughesEuronews Travel
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le autorità cittadine hanno fornito un nuovo calendario per l'introduzione del pagamento della tassa d'ingresso

PUBBLICITÀ

I turisti che visitano Venezia per una giornata dovranno presto pagare, poiché la città introdurrà una tassa di soggiorno.

Il Consiglio comunale ha dato il via libera a questa politica, pensata per affrontare i problemi di overtourism che affliggono la città.

Il sistema di prenotazione per l'accesso nella città lagunare verrà lanciato con una prova di 30 giorni, nei fine settimana di primavera ed estate del 2024.

L'avvio era previsto per gennaio di quest'anno, ma è stato ritardato per problemi logistici e per il timore di un impatto sulle entrate turistiche.

Ecco cosa sappiamo sinora su come funzionerà la nuova tassa di soggiorno.

Chi deve registrarsi per visitare Venezia?

I viaggiatori che intendono entrare in città dovranno registrare la loro visita, anche se chi pernotta non dovrà pagare la tassa d'ingresso.

Anche chi visita le isole circostanti, come Burano e Murano, dovrà registrarsi e pagare: per chi si reca in più posti (Venezia inclusa), è necessario un unico biglietto e un unico pagamento.

Alcuni visitatori giornalieri sono esenti dal pagamento della tassa d'ingresso, anche se dovranno comunque prenotare: si tratta dei residenti nella regione Veneto, degli studenti e di coloro che fanno visita ai familiari in città.

Canva
Those visiting the surrounding islands such as Burano and Murano will also have to register and pay.Canva

L'amministrazione comunale ha già sottolineato che non ci sarà alcun limite al numero di visitatori, ma solo un aumento del biglietto d'ingresso nel caso in cui si raggiunga un certo numero di visitatori in un determinato giorno.

Quando si dovrà pagare per visitare la città?

L'esecutivo comunale ha approvato un periodo di sperimentazione, che sarà probabilmente distribuito tra i giorni festivi e i fine settimana della primavera e dell'estate del 2024.

L'approvazione definitiva del piano è prevista per il 12 settembre.

Come si può prenotare?

Un sistema di prenotazione online in più lingue sarà messo a disposizione dei visitatori per prenotare in anticipo il viaggio a Venezia.

Al momento della prenotazione, i visitatori riceveranno un codice QR che fungerà da biglietto e dovrà essere mostrato ai controllori.

Per coloro che arrivano con i mezzi pubblici, potrebbe esserci la possibilità di acquistare il pass d'ingresso contestualmente al biglietto di viaggio.

Se questo servizio non è disponibile, gli operatori del trasporto pubblico faranno degli annunci ai passeggeri ricordando loro l'obbligo di prenotazione.

I visitatori sono ovviamente incoraggiati a prenotare in anticipo, perché i prezzi dei biglietti potrebbero essere più bassi.

Quanto dovranno pagare i visitatori?

Inizialmente il costo del biglietto sarà di cinque euro durante il periodo di prova.

In periodi di particolare affluenza, ai visitatori sarà probabilmente richiesto di pagare cifre più alte: ciò avverrà quando il numero di visitatori che si prenotano per arrivare in città supererà una certa soglia (che non è ancora stata definita).

PUBBLICITÀ
AP Photo/Luca Bruno
In particularly busy periods, visitors will be required to pay higher sums.AP Photo/Luca Bruno

Ci saranno anche alcuni periodi in cui i visitatori dovranno comunque prenotare, ma non saranno tenuti a pagare: questo accadrà quando il numero di arrivi in città sarà molto basso.

Come verranno controllati i biglietti?

I controllori saranno dislocati in tutta la città storica per verificare i biglietti (o i documenti di esenzione).

Le autorità stanno anche valutando l'introduzione di tornelli in alcuni punti di accesso alla città, come ad esempio la stazione ferroviaria.

Cosa succede se ci si dimentica di prenotare?

Le autorità veneziane hanno dichiarato che in alcuni punti strategici, come il terminal degli autobus di Piazzale Roma o la stazione ferroviaria, saranno presenti avvisi per ricordare ai visitatori di prenotare il biglietto.

Coloro che arriveranno senza aver prenotato e pagato dovranno pagare una tassa di 10 euro e saranno soggetti a multe che vanno da 50 a 300 euro.

PUBBLICITÀ

A cosa servirà il biglietto d'ingresso?

La tassa non è "uno strumento per fare cassa", rende noto la città in un comunicato.

A parte i costi di gestione del sistema, i proventi del biglietto d'ingresso saranno destinati a servizi che aiutano i residenti: tra questi, la manutenzione, la pulizia e la riduzione del costo della vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Povere Creature" vince il Leone d'Oro 2023, a Venezia

Venezia: chiazza color verde fluorescente sul Canal Grande, esclusa (pare) la pista ecologista

Ondata di calore in Grecia: chiusa l'Acropoli di Atene