EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Navi da crociera: le nuove misure restrittive delle città europee

Italy has banned mammoth cruise liners from sailing into the lagoon city.
Italy has banned mammoth cruise liners from sailing into the lagoon city. Diritti d'autore AP Photo/Luca Bruno
Diritti d'autore AP Photo/Luca Bruno
Di Rosie Frost
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Molte città stanno rivalutando la presenza delle navi da crociera. Alcuni vogliono addirittura vietarle del tutto per ragioni ambientali, sociali ed economiche.

PUBBLICITÀ

Circa 4,8 milioni di persone ogni anno si imbarcano per una crociera. Prima della pandemia queste cifre erano ancora più alte e si aggiravano intorno ai 30 milioni di passeggeri ogni anno.

Ma, mentre l'industria delle crociere si riprende dalle devastanti conseguenze del COVID-19, molti porti in cui queste navi gettano l'ancora stanno rivalutando la loro presenza. Alcuni vogliono addirittura vietare del tutto queste tappe in città, per ragioni ambientali, sociali ed economiche.

Quindi cosa sta succedendo nel settore delle crociere e perché alcune destinazioni stanno dicendo addio a questi giganteschi hotel galleggianti?

Durante la pandemia, le città europee alle prese con l'eccessivo turismo hanno sperimentato come potrebbe essere la vita senza crociere. Per alcuni, questo ha significato imporre divieti o limitazioni sul numero di navi che fanno scalo in questi porti.

Nel 2021 Venezia ha impedito alle grandi navi da crociera di attraccare nel suo centro storico. A causa dei rischi che queste navi significano per la laguna, l'UNESCO ha minacciato di inserire la città nella sua lista di luoghi a rischio di estinzione a meno che le navi da crociera non fossero definitivamente bandite.

Secondo l'Onu, le grandi navi inquinano ed erodono le fondamenta della città, che già soffre di allagamenti regolari. Il divieto significa che le grandi navi da crociera non possono più entrare nel canale della Giudecca di Venezia, che conduce alla sua famosa Piazza San Marco.

In passato c'erano già stati tentativi di fermare le grandi navi, ma la pressione è aumentata quando nel 2019 una nave da crociera si è schiantata contro un porto di Venezia, ferendo cinque persone.

Al momento del divieto del 2021, anche le compagnie di crociera sembravano essere d'accordo. Dopo l'annuncio, la Cruise Lines International Association (CLIA) ha affermato di aver "sostenuto un nuovo approccio per molti anni" definendolo un "importante passo avanti".

Luca Bruno/Copyright 2019 The AP. All rights reserved
Nave da crociera nei pressi di San Marco, a Venezia.Luca Bruno/Copyright 2019 The AP. All rights reserved

Altri potrebbero presto seguire l'esempio di Ada Colau, sindaca di Barcellona, che ha recentemente affermato che limiterà il numero di crocieristi in città se sarà rieletta. Nuove misure per dimezzare il numero di sbarchi, che arriva fino a 200.000 al mese durante l'alta stagione.

“Il quaranta per cento delle navi da crociera si ferma per quattro ore. Non danno un reale ritorno economico alla città: si tratta di migliaia di persone che sbarcano, creano grandi problemi di mobilità e poi se ne vanno. È un settore che dobbiamo limitare ", ha detto la sindaca catalana a The Times a febbraio.

Ma a preoccupare a Barcellona è anche l'inquinamento. La città è classificata come il peggior porto crocieristico per inquinamento atmosferico in Europa, secondo uno studio condotto lo scorso anno da Transport & Environment.

Anche il sindaco di Marsiglia, il più grande porto crocieristico della Francia, si è espresso contro l'industria, sostenendo che sta "soffocando" la città con l'inquinamento atmosferico. Anche Amsterdam, Santorini e Dubrovnik hanno inasprito le restrizioni alle compagnie di crociera.

Il vento cambia per le navi da crociera

Non si tratta però di un fenomeno limitato all'Europa. I porti di tutto il mondo stanno progressivamente decidendo di non voler tornare a come erano prima della pandemia.

Monterey Bay, in California, ha avuto poche o nessuna visita di navi da crociera, sin da prima del COVID-19. Se ne vedevano dalle sette alle dodici all'anno e anche quest'anno diversi operatori avrebbero dovuto fare scalo nella città. Ma a febbraio Monterey Bay ha detto chiaro e tondo alle compagnie di crociera che non vuole che tornino.

Il consiglio comunale non ha il potere di vietare a titolo definitivo le navi da crociera. Ma per impedire l'arrivo delle navi, Monterey ha scelto di rimuovere i servizi di atterraggio dei passeggeri, il che significa che gli operatori di crociera dovrebbero assumere personale per fare scendere e salire i passeggeri dal molo della città.

"Spero che questo passo lanci un chiaro segnale all'industria delle navi da crociera che non sono più accolte dalla nostra città", ha dichiarato il direttore della città di Monterey, Hans Uslar. Le autorità californiane vogliono evitare "lo scarico accidentale nella incontaminata baia di Monterey". Il consiglio comunale spera di proteggere l'ambiente costiero della zona, solo una parte degli oltre 9.000 chilometri quadrati del Monterey Bay National Marine Sanctuary.

Euronews
Enormi navi da crociera destano preoccupazione tra i residenti delle città portuali di tutto il mondo.Euronews

A novembre, anche Bar Harbor, nello stato americano del Maine, ha deciso di porre limiti severi al numero di turisti che possono sbarcare dalle navi. A partire dal 2024, solo 1.000 passeggeri e membri dell'equipaggio potranno attraccare al porto ogni giorno. Sono circa 3.000 in media i passeggeri di una nave da crociera, si tratta dunque di un duro colpo per gli operatori che desiderano attraccare in città.

Le restrizioni sono state promulgate dopo che la popolazione locale ha presentato una petizione per limitare il numero di turisti, affermando di essere "invasa" dal traffico crocieristico. Non è nulla di sorprendente: un sondaggio del 2021 ha rilevato che la maggior parte dei residenti di Bar Harbour non era contenta di queste enormi navi. Oltre il 50% degli intervistati aveva affermato di considerare il turismo da crociera "più negativo che positivo" per Bar Harbour. La qualità della vita è stata percepita in calo del 53% a causa dell'industria.

PUBBLICITÀ

Uno dei maggiori argomenti addotti dai sostenitori per mantenere le navi da crociera è il loro contributo all'economia locale. Ma gli ospiti di queste navi giganti spendono davvero soldi nelle città in cui attraccano?

Diversi studi hanno dimostrato che i passeggeri che sbarcano dalle navi non contribuiscono tanto all'economia locale quanto si potrebbe pensare. Con tutto il cibo, le bevande ei souvenir che potrebbero desiderare disponibili a bordo, i soldi rimangono in mare.

Nulla di sorprendente sapendo che la nave da crociera più grande del mondo, la Wonder of the Seas, dispone di ben 20 ristoranti, un teatro da 1.400 posti e negozi che vendono di tutto, dagli orologi raffinati a capi di alta moda. A seconda del pacchetto scelto, cibo e bevande sono spesso inclusi e gli acquisti sono esentasse e duty-free.

Uno studio condotto a Bergen, in Norvegia, una tappa popolare per i tour dei fiordi, ha rilevato che fino al 40% delle persone non ha mai lasciato la nave. Per coloro che sono scesi a terra, la loro spesa media è stata inferiore a 23 euro.

Brian Witte/AP
Studi condotti a Bergen, in Norvegia, mostrano che i passeggeri non spendono quanto si potrebbe pensare nei portiBrian Witte/AP

Ulteriori ricerche dalla città norvegese nel 2013 hanno scoperto che la durata del soggiorno è probabilmente uno dei maggiori fattori di quanto spendono i passeggeri. La permanenza media in porto dura circa otto ore, ma può variare notevolmente a seconda dell'itinerario della nave. Per alcuni, come Barcellona, possono bastare quattro ore.

PUBBLICITÀ

E la spesa rimane bassa anche quando ai passeggeri vengono date maggiori opportunità di spendere soldi. L'industria delle crociere sostiene che il contributo medio di un passeggero all'economia locale sia molto più alto della stima di Bergen a circa 100 dollari (91 euro) al giorno.

Un modo per colmare il divario sarebbe aumentare la tassa sui passeggeri riscossa nei porti, che attualmente tende a essere compresa tra 4 e 14 euro a persona.

L'industria delle crociere afferma che si sta muovendo per migliorare sia il proprio impatto ambientale che sociale.

Le compagnie di crociera sono state tra le prime nel settore marittimo a impegnarsi a ridurre le emissioni di carbonio del 40% entro il 2030, secondo CLIA. Alcuni si sono persino iscritti per raggiungere lo zero netto entro il 2050. Non è ancora chiaro se questi obiettivi di ampio respiro saranno sufficienti per placare i locali stufi nelle città portuali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Viaggi economici in Italia: arrivano due nuovi treni notturni da Milano a Lecce e Reggio Calabria

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat

La classifica degli aeroporti più puliti al mondo, solo uno è in Europa