Iron Dome: come funziona il sistema di difesa missilistica di Israele?

Il sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome spara per intercettare un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza, ad Ashkelon, Israele, martedì 17 ottobre 2023.
Il sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome spara per intercettare un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza, ad Ashkelon, Israele, martedì 17 ottobre 2023. Diritti d'autore AP Photo
Di Aisling Ní Chúláin
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

In funzione dal 2011, è la prima linea di difesa di Israele contro i razzi: un esperto spiega come funziona il sistema

PUBBLICITÀ

Il 7 ottobre, i militanti di Hamas hanno lanciato una raffica di razzi dalla Striscia di Gaza verso Israele, in un attacco a sorpresa che ha riacceso il conflitto israelo-palestinese.

La chiave per respingere i razzi da parte israeliana è l'Iron Dome, un sistema di difesa missilistica che è diventato una pietra miliare della sicurezza del Paese, sin dal suo dispiegamento iniziale nel 2011.

Sviluppato dall'azienda statale di difesa israeliana Rafael, si è dimostrato particolarmente efficace nel corso degli anni. 

Le autorità israeliane hanno dichiarato che la tecnologia militare vanta un tasso di successo del 90% nell'intercettare i razzi nemici.

Come funziona esattamente?

Ogni batteria Iron Dome, di cui si ritiene che ce ne siano almeno dieci in funzione sul territorio israeliano, ha tre componenti. 

La prima è un radar che rileva i razzi in arrivo, poi c'è il missile intercettore Tamir che viene lanciato per intercettare il razzo in arrivo.

Infine, c'è un centro di comando e controllo che contiene il software che crea e invia il messaggio dal radar al missile intercettore.

Il sistema è progettato per intercettare razzi con un raggio d'azione compreso tra 4 e 70 km.

Quanto è efficace Iron Dome?

Nonostante il tasso di successo del 90% offerto dai funzionari militari israeliani, Jean-Loup Samaan, ricercatore senior presso l'Istituto per il Medio Oriente dell'Università di Singapore, descrive la questione dell'efficacia di Iron Dome come "molto controversa".

"Il motivo è che, in fin dei conti, dobbiamo basarci su stime e dati, che sono quelli del governo israeliano - ha spiegato a Euronews Next - sinora il governo israeliano ha detto che l'efficacia di Iron Dome è piuttosto elevata. 

Si parla di un tasso di intercettazione del 90%, ma la domanda è: cosa significa esattamente questo tasso di intercettazione?".

Samaan sottolinea che Iron Dome intercetta o distrugge solo i razzi che sono considerati una minaccia per le aree urbane civili.

"Se un razzo viene inviato da Gaza verso un'area non popolata di Israele, Iron Dome non si attiva, quindi è difficile dire esattamente cosa c'è dietro il tasso di efficacia del 90%", ha detto.

L'altra questione legata all'efficacia di Iron Dome è che Samaan sostiene che il sistema non ha dissuaso Hamas o altri gruppi militanti palestinesi dal lanciare attacchi missilistici contro il territorio israeliano.

"Sabato 7 ottobre, Hamas ha lanciato più razzi che negli ultimi dieci giorni del conflitto tra Hamas e Israele nel 2021 - ha detto Samaan - quindi ci dice che Iron Dome può essere efficace dal punto di vista operativo, ma strategicamente non è un vero deterrente per le organizzazioni palestinesi".

Come viene finanziato?

Mantenere l'Iron Dome operativo ha un prezzo elevato: secondo Samaan, un solo missile intercettore Tamir costa circa 50.000 dollari (47.250 euro).

Originariamente il finanziamento di Iron Dome era a carico di Israele, ma a causa dell'elevato costo del sistema, il Paese ha dovuto fare affidamento sul suo alleato di lunga data, gli Stati Uniti.

Un rapporto del Congressional Research Service statunitense afferma che gli Stati Uniti hanno contribuito con quasi tre miliardi di dollari (2,8 miliardi di euro) alle batterie di Iron Dome, agli intercettori, ai costi di coproduzione e alla manutenzione generale.

PUBBLICITÀ

"A partire dal 2016, Stati Uniti e Israele hanno ritenuto che il sostegno alla difesa missilistica israeliana e in particolare allo sviluppo e alla produzione di Iron Dome fosse una parte centrale delle relazioni bilaterali - ha spiegato Samaan - l'idea è che Israele sia riuscito a trovare una tecnologia in grado di proteggere il suo territorio, ma finanziariamente ha bisogno del sostegno americano per mantenere questa capacità".

La Reuters ha riferito che il presidente degli Stati Uniti Biden avrebbe chiesto al Congresso altri 14 miliardi di dollari (13,2 miliardi di euro) di aiuti militari per Israele.

Timori di un'escalation

Nei primi giorni dell'attuale conflitto, il numero di razzi lanciati da Hamas verso Israele, stimato tra i 2.200 e i 3.000 (anche se Hamas sostiene di averne lanciati 5.000), sembrava riuscire a sopraffare il sistema.

Tuttavia, Samaan sottolinea che Hamas non ha una scorta illimitata di munizioni: "Sospetto che nei prossimi giorni Hamas faticherà a mantenere la capacità di sparare la stessa quantità di razzi su Israele".

Forse la preoccupazione maggiore al momento, per quanto riguarda la capacità di Iron Dome di continuare a proteggere il territorio israeliano, è la prospettiva di un'escalation regionale del conflitto in corso.

PUBBLICITÀ

"Uno dei motivi per cui Israele, e forse soprattutto gli Stati Uniti, vogliono evitare un'escalation regionale è che, se Hezbollah in Libano inizia a essere coinvolto nel conflitto, proprio Hezbollah ha una capacità di fuoco molto più grande di Hamas - ha aggiunto Samaan - ha centinaia di migliaia di razzi, quindi Hezbollah potrebbe rapidamente sopraffare Iron Dome".

Oltre 1.300 israeliani sono stati uccisi nell'attacco di Hamas del 7 ottobre.

In risposta, Israele ha ordinato un "assedio completo" della Striscia di Gaza e ha bombardato l'enclave con attacchi aerei.

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno sollevato "serie preoccupazioni umanitarie e legali" per l'assedio, con gli abitanti di Gaza, privati di cibo, acqua, elettricità e carburante.

Giovedì, il ministero della Sanità palestinese ha riferito che almeno 3.785 persone sono state uccise a Gaza.

PUBBLICITÀ

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale in alto.

Video editor • Aisling Ní Chúláin

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cos’è Hezbollah e può competere con l’Esercito israeliano?

Media israeliani: "Presto liberi altri 50 ostaggi". Hamas: "700 palestinesi uccisi in 24 ore"

Google lancia Gemini, l'intelligenza artificiale rivale di ChatGPT