EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Messico, i presunti corpi alieni sono stati sottoposti a test di laboratorio

Corpi "alieni" nel Congresso messicano
Corpi "alieni" nel Congresso messicano Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I medici di Città del Messico hanno condotto diversi test mentre la comunità scientifica si divide sulla presenza di ufo

PUBBLICITÀ

Siamo davvero soli al mondo? È questa la domanda a cui cerca di rispondere il giornalista e sedicente "ufologo" Jaime Maussan.

La scorsa settimana, Maussan ha presentato al Congresso messicano due esemplari mummificati che, a suo dire, sono i corpi di extraterrestri.

Le due piccole mummie, con teste allungate e solo tre dita per mano, hanno stupito non solo i parlamentari ma anche molte persone che hanno seguito in TV e online lo svolgersi dell'evento. Da allora, i critici hanno continuato a sostenere che i corpi sono stati ripetutamente screditati come falsi da scienziati ed esperti.

Lunedì scorso, i medici di Città del Messico hanno effettuato diversi test di laboratorio sui resti.

Secondo Jose de Jesus Zalce Benitez, direttore dell'Istituto Scientifico per la Salute della Marina messicana, i tre studi sono stati progettati per verificare la struttura scheletrica dei corpi.

Lo studio ha dimostrato che i presunti corpi appartengono a un unico scheletro e non sono stati assemblati. "Non ci sono prove di assemblaggio o manipolazione dei crani", ha aggiunto Zalce.

La Procura Generale del Perù, insieme all'Istituto di Medicina Legale e Scienze Forensi, aveva avviato un'indagine anni prima, al momento del ritrovamento dei corpi, rilevando che le figure erano "di recente fabbricazione".

"Creazioni fatte di ossa animali e umane unite insieme con colla sintetica. Queste sono state a loro volta ricoperte da una miscela di fibre vegetali e colla sintetica per simulare un tipo di pelle", ha aggiunto il rapporto.

Nell'ultima settimana sono state fatte molte speculazioni, poiché sono emerse ulteriori informazioni, ma la domanda è: cosa si sa finora dei presunti Ufo?

Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved
Experts from Mexico, the United States, Japan and Brazil gathered before the Mexican Congress on Sept. 12, 2023 to share their findings on the existence of UFOs.Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved

Durante la sessione plenaria del Congresso, Maussan ha dichiarato sotto giuramento che si trattava di esseri non umani.

Ha detto che erano sepolti in una zona remota del Perù e che avevano circa 1.000 anni, secondo i test di datazione al carbonio che sarebbero stati effettuati da ricercatori dell'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM).

Tuttavia, queste affermazioni sono state smentite dall'università. L'Istituto di Fisica ha negato che gli studi del giornalista possano essere utilizzati per dimostrare che i due corpi appartengono a extraterrestri.

L'istituto è riuscito a dimostrare, attraverso l'analisi del carbonio-14, che i corpi sono stati sepolti per 1.000 anni in terra di diatomee, un tipo di alga che non permette la crescita di batteri o funghi, rendendone possibile la conservazione.

In una dichiarazione, l'Istituzione ha affermato che "hanno il solo scopo di determinare l'età del campione portato da ciascun utente e in nessun caso traiamo conclusioni sull'origine di questi campioni".

Alla sessione del congresso, Maussan ha invitato personale militare, controllori del traffico aereo e astronomi a sostenere la sua teoria. Intanto mentre aumentano i sostenitori e i detrattori di Maussan, il mondo attende di vedere se i corpi sono la prova che c'è vita oltre la Terra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perù: concluso il caso delle mummie aliene, costruite con colla, pelle e ossa umane e di animali

L'uragano Otis tocca Acapulco: massima allerta. Rischio inondazioni e frane

Incidente per il razzo di SpaceX: lascia i satelliti Starlink nell'orbita sbagliata