EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ufo, le rivelazioni degli ex militari americani al Congresso

L'immagine, tratta da un video fornito dal Dipartimento della Difesa ed etichettato come Gimbal, risale al 2015: un oggetto inspiegabile viene tracciato da un aviatore della Marina.
L'immagine, tratta da un video fornito dal Dipartimento della Difesa ed etichettato come Gimbal, risale al 2015: un oggetto inspiegabile viene tracciato da un aviatore della Marina. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Andrew Naughtie, Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Oltre a descrivere dettagliatamente gli incontri avvenuti con oggetti volanti non identificati, i testimoni hanno rivelato le intimidazioni subite

PUBBLICITÀ

Una commissione del Congresso degli Stati Uniti ha ascoltato le testimonianze di alcuni ex militari americani, secondo i quali l'esercito sarebbe a conoscenza di molte più informazioni sugli oggetti non identificati avvistati nei cieli, rispetto a quanto finora rivelato pubblicamente. 

L'audizione ha riguardato infatti i cosiddetti Fenomeni Anomali Non Identificati (UAP) - un termine coniato anche per evitare la sigla "UFO" - e ha visto protagonisti testimoni con alle spalle carriere nell'esercito rivelare informazioni sbalorditive su presunti programmi militari segreti e su incontri con oggetti che sembravano sfidare le leggi fisiche e ingegneristiche note sulla Terra, scoperti a volare nello spazio aereo degli Stati Uniti.

"Quel velivolo aveva prestazioni nettamente superiori ai nostri aerei"

Uno dei testimoni è stato David Charles Grusch, ex ufficiale dei servizi segreti dell'aeronautica militare statunitense e informatore che ha recentemente reso pubbliche le affermazioni secondo cui l'esercito americano avrebbe recuperato velivoli la cui origine non sarebbe terrestre. 

Un altro, il comandante della Marina statunitense in pensione David Fravor, ha fornito un resoconto dettagliato dell'incontro che lui e altri piloti avrebbero avuto con un UAP sopra il Golfo Persico nel 2004. "Guardandoci intorno - ha dichiarato - abbiamo notato dell'acqua biancastra al largo del nostro lato destro. Quel giorno le condizioni meteorologiche non erano distanti da quelle di una giornata perfetta si possa chiedere: cielo sereno, venti leggeri, mare calmo (nessuna onda con schiuma). Per questo l'acqua biancastra spiccava nell'oceano blu. Guardando tutti e quattro verso il basso abbiamo visto un piccolo oggetto bianco".

"Mentre ci avvicinavamo - ha aggiunto Fravor - a circa mezzo miglio, con l'oggetto in questione appena alla nostra sinistra, esso ha accelerato improvvisamente ed è scomparso. Anche il nostro supporto, che si trovava circa ottomila piedi sopra di noi, ha perso il contatto visivo. Ci siamo immediatamente girati per osservare l'acqua biancastra, ma era sparita anche quella".

L'oggetto, ha precisato, "aveva prestazioni di gran lunga superiori a quelle del mio F/A-18F nuovo di zecca, e non operava secondo i principi aerodinamici noti che ci aspettiamo per gli oggetti che volano nella nostra atmosfera".

Il Congresso indaga su possibili insabbiamenti

I legislatori statunitensi stanno esercitando una notevole pressione politica per indagare in dettaglio sulla questione UAP, mantenendo il dibattito il più razionale possibile. In questo senso, alcuni membri della commissione hanno cercato di inquadrare l'audizione non tanto come un'inchiesta su possibili visite extraterrestri sulla Terra, ma su possibili insabbiamenti. "Non porteremo in udienza omini verdi o dischi volanti", ha detto il deputato Tim Burchett. "Mi dispiace deludere alcuni di voi".

Tuttavia, altri membri hanno affermato che parte dello scopo era, in effetti, quello di comprendere il significato delle centinaia o migliaia di avvistamenti apparentemente effettuati da personale militare e da piloti commerciali. Nel suo discorso di apertura, durante il quale ha citato il famigerato caso Roswell, la deputata Anna Paulina Luna ha osservato come il Congresso debba comprendere "la portata di ciò che significa non solo per questa nazione, ma per l'umanità".

Grazie a una sporadica sequenza di notizie e divulgazioni ufficiali negli ultimi anni, a partire da un articolo del New York Times nel 2017, l'opinione pubblica è più che mai consapevole delle misure che gli Stati Uniti hanno segretamente adottato per indagare sugli UAP, in particolare su quelli individuati dai militari. 

Una task force, un ufficio preposto e milioni di dollari stanziati

È noto che milioni di dollari di fondi stanziati in sordina dal Senato degli Stati Uniti sono stati spesi per indagare sulla questione, anche attraverso la Task Force per i fenomeni aerei non identificati istituita nel 2020, il cui lavoro è stato poi conferito ad un ufficio ad hoc, per il quale ha lavorato lo stesso Grusch.

I dati raccolti, i video declassificati e le testimonianze al Congresso hanno chiarito intanto che gli incontri sono stati molti di più rispetto a quelli di cui l'opinione pubblica è stata informata. Soprattutto, le informazioni fornite dai testimoni sono sorprendentemente coerenti tra loro.

Anche tra coloro che rimangono fermamente scettici di fronte all'ipotesi che gli extraterrestri stiano visitando la Terra, la serie di rivelazioni ancora parziali ha sollevato un serio allarme sul fatto che una tecnologia avanzata di qualche tipo possa essere utilizzata in prossimità di mezzi militari americani. E non è chiaro chi l'abbia sviluppata e impiegata.

"Ho subito ritorsioni ma spero che questo serva per avere maggiore trasparenza"

Sia Grusch che Fravor hanno alluso specificamente alla possibile consapevolezza o addirittura al possesso da parte del governo statunitense di **velivoli extraterrestri.**La testimonianza più sorprendente di Grusch è stata indiretta, in quanto non ha affermato di avere una conoscenza di prima mano dei presunti oggetti in questione. Ma ha dichiarato di essere stato "informato" nel 2019 di "un programma pluridecennale di recupero e smantellamento di UAP caduti". Operazioni che sarebbero effettuate all'insaputa del Congresso. 

"Ho preso la decisione, sulla base dei dati raccolti, di riferire queste notizie ai miei superiori e a diversi ispettori generali, diventando di fatto un informatore", ha dichiarato alla sottocommissione. "Come sapete, ho subito ritorsioni per tale mia decisione. Ma spero che le mie azioni portino alla fine a un risultato positivo in termini di maggiore trasparenza". Fravor ha anche espresso preoccupazione per la mancanza di controllo sui casi riportati e sulle conoscenze in possesso dell'esercito.

"Non c'è alcuna supervisione sull'esercito"

Ciò che mi preoccupa è che non c'è alcuna "supervisione" da parte dei nostri rappresentanti eletti su tutto ciò che è associato al possesso o allo sfruttamento da parte del nostro governo di velivoli che crediamo non siano di questo mondo", ha affermato nelle sue osservazioni. Ha anche ribadito alla Commissione che l'oggetto che lui e altri piloti hanno visto nel Golfo Persico nel 2004 era in grado di eseguire manovre apparentemente impossibili, che avrebbero surclassato qualsiasi mezzo militare statunitense.

"La tecnologia che abbiamo affrontato - ha affermato - era di gran lunga superiore a quella di cui disponevamo. L'oggetto poteva assumere qualsiasi posizione, andare ovunque, spostarsi in pochi secondi. Poteva fare ciò che voleva e scappare senza che potessimo fare nulla". Grusch e Fravor hanno sottolineato anche che gli oggetti di cui hanno parlato non sono stati avvistati dai piloti solo visivamente, ma anche rilevati dai radar, anche se questi dati non sono stati resi noti.

Grusch ha confessato di aver temuto per la sua vita

Il tema più forte dell'audizione, tuttavia, è stato il fatto che attualmente non c'è quasi alcun modo per i piloti e il personale militare di segnalare gli avvistamenti senza finire additati come cospiratori. Se non peggio. Grusch, ad esempio, ha confermato di aver temuto per la sua vita da quando si è fatto esposto.

Inoltre, non esiste alcun sistema di segnalazione per i piloti dell'aviazione civile. Un altro testimone, l'ex pilota di F-18 Ryan Graves, ha spiegato di aver contribuito a fondare il gruppo Americans for Safe Aerospace per sostenere coloro che avevano avuto incontri con UAP, e ha precisato che non si sarebbe aspettato di essere contattato da un numero così alto di testimoni.

PUBBLICITÀ

Il gruppo, dice, "è diventato un rifugio per più di trenta testimoni di UAP che in precedenza non si erano espressi a causa dell'assenza di un processo sicuro. La maggior parte di loro, tuttavia, non vuole parlare pubblicamente. Hanno paura delle conseguenze professionali. Vogliono solo aggiungere il loro racconto all'insieme dei dati".

Una questione trasversale nella politica statunitense

È interessante notare come l'audizione della Commissione, guidata dai repubblicani, ha visto la partecipazione di alcuni esponenti della destra più radicale - come Matt Gaetz della Florida, per esempio - insieme a figure di sinistra come Alexandria Ocasio-Cortez.

Ciò testimonia come la questione degli UAP sia trasversale ai partiti come pochi altri argomenti, in un momento in cui la Camera dei Rappresentanti è fortemente divisa. Come ha detto il deputato Jared Moskowitz nel suo discorso di apertura, "non dovrebbe essere necessaria la possibilità di avere a che fare con gli alieni per unirci".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fake news: Twitter invaso dalle immagini di una falsa esplosione al Pentagono

Documenti segreti, perchè il Pentagono non si è accorto della fuga di notizie?

Un Ufo? Un pallone spia? No, è la corsa per la stratosfera