EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'Ucraina sta ingannando la Russia, sul campo di battaglia, con carri armati e armi gonfiabili?

Un carro armato "esca"...
Un carro armato "esca"... Diritti d'autore Petr David Josek/AP
Diritti d'autore Petr David Josek/AP
Di Euronews - AP - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

i ricavi dell'azienda tecnologica ceca Inflatech vanno a vele... gonfie. La società produce più di 30 diverse esche militari gonfiabili, che vanno dai carri armati ai veicoli corazzati, ad aerei e armi di grandi dimensioni. E persino versioni-esca del sistema missilistico HIMARS

PUBBLICITÀ

L'invasione russa in Ucraina ha provocato un aumento della domanda di armi e veicoli militari, con molti Paesi alleati che hanno inviato rifornimenti ed equipaggiamenti all'Ucraina per aiutare il Paese a difendersi.

Ma la guerra ha visto anche un'impennata della domanda di veicoli gonfiabili e "armi-esca".
E, come spesso capita, la guerra ha gonfiato i profitti delle aziende del settore.

In questo caso - in crescita del 30% - sono i ricavi dell'azienda tecnologica ceca Inflatech.
La società produce più di 30 diverse esche militari gonfiabili, che vanno da carri armati e veicoli corazzati, ad aerei e armi di grandi dimensioni.

Producono persino versioni-esca del sistema missilistico HIMARS fabbricato negli Stati Uniti, che sono state inviate in Ucraina tra miliardi di dollari di aiuti militari occidentali.

Il CEO di Inflatech, Vojtech Fresser, non dirà mai se le sue "esche" sono effettivamente utilizzate dalle forze armate ucraine che combattono le truppe russi, ma ha confermato che la sua attività è aumentata di oltre il 30% nel 2022.

E si aspetta che la crescita continui a crescere a doppia cifra per almeno altri tre o cinque anni.

Pur non commentando direttamente il sostegno all'Ucraina, ha detto: “Posso immaginare che se vogliamo sostenere un Paese partner che è in difficoltà, invieremo loro esche gonfiabili. Oppure le ha già e, altrimenti, le avrà di sicuro presto”.

Inflatech, che ha sede nella città di Decin, nel nord della Repubblica Ceca, attualmente produce fino a 50 esche al mese.

Sono vendute a un numero imprecisato di Stati membri della Nato: si tratta di acquisti necessariamente approvati dai rispettivi governi.

L'azienda utilizza materiali leggeri, come la seta artificiale, quindi il peso totale di un serbatoio "finto" arriva fino a 100 kg. Ci vogliono quattro soldati per muovere un'esca, con dieci minuti di tempo sufficienti per scartare e gonfiare un pezzo equipaggiamento "gonfiabile".

Le esche possono contribuire allo sforzo bellico ingannando le forze nemiche. Il trucco è ingannare telecamere, termocamere e radar per far loro credere di aver individuato un obiettivo prezioso e utilizzare costosi missili per distruggerlo.

"Se costringo il nemico a distruggere una mia cosa usando qualcosa che è quattro volte più costoso, ma in realtà potrebbe essere anche venti volte più costoso, allora sono io il vincitore, economicamente parlando", spiega Vojtech Fresser.

Le esche, originariamente sviluppate per scopi di addestramento, possono costare fino a 100.000 dollari.

Fresser, pur soddisfatto del successo del suo lavoro, ha chiarito che preferirebbe realizzare giocattoli per bambini.
“Ma prima dobbiamo garantire loro un mondo sicuro. Quindi, speriamo di tornare presto ai progetti civili".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, arrivano i primi caccia aerei polacchi a pochi giorni dalla visita di Zelensky a Varsavia

Nuovi bombardamenti russi sulle aree residenziali di Kramatorsk, colpito anche un asilo

Attacchi russi in Ucraina, la promessa di Zelensky: "Non finiremo in catene"