This content is not available in your region

In che modo la pandemia sta trasformando il mercato immobiliare?

Di Euronews
euronews_icons_loading
In che modo la pandemia sta trasformando il mercato immobiliare?
Diritti d'autore  euronews

Lockdown, homeworking, staycation: sono parole a cui ormai ci siamo abituati. Definiscono il modo in cui viviamo, lavoriamo e viaggiamo, e hanno cambiato le dinamiche del settore immobiliare: uno dei principali motori della crescita economica mondiale. Resta però l'incertezza dovuta alla nuova ondata di contagi, causata dalle varianti del Covid, che potrebbe portare a nuove restrizioni sugli spostamenti.

Nonostante tutto gli investimenti nel settore immobiliare hanno raggiunto il massimo storico nel terzo trimestre, superando i 755 miliardi di dollari, con un aumento del 50% su base annua. Gli investitori continuano a diversificare i loro portafogli: il 29% delle transazioni riguarda il settore residenziale, il segmento più attivo davanti agli uffici.

Aldilà delle statistiche e delle cifre, il mercato immobiliare è sempre stato profondamente influenzato dall'interior design. Ne abbiamo parlato con Laurence Llewelyn-Bowen, uno dei più apprezzati designer d'interni: ha lavorato per decenni sulla commistione tra design, architettura e cultura. Cosa è cambiato in tutto questo tempo negli spazi in cui viviamo e lavoriamo?

L'influenza della pandemia sull'interior design

"È interessante perché l'architettura è una forma d'arte molto lenta, un architetto che ha un'idea ora difficilmente vedrà i frutti di quell'idea prima di cinque, sei anni - dice Llewelyn-Bowen -. La gente oggi punta su arredamenti confortevoli e sempre più personali, tutto d'un tratto le persone si sono ritrovate ad arredare per sé stesse, piuttosto che per l'agente immobiliare che verrà a valutare la loro casa o per il collega di lavoro che verrà per una bottiglia di vino. In realtà le persone stanno socializzando di meno, stanno a casa, e lo fanno in ambienti molto confortevoli".

Sempre più persone, quindi, puntano su un ambiente domestico il più confortevole possibile, una tendenza che sembra destinata a durare. Llewelyn-Bowen ci ha detto che i gusti stanno cambiando, ma in che modo tutto questo sta influenzando gli affari? Durante la pandemia in molti hanno temuto per il mercato immobiliare di Parigi, che per decenni è stato uno dei più fiorenti al mondo. I prezzi però stanno salendo di nuovo e gli immobili di prestigio sono in pieno boom.

Per Sotheby's & Barnes il 2021 è stato un anno record in Francia. Ne abbiamo parlato con la famiglia Kretz, protagonista della serie "The Agency" che racconta la sua vera storia: quella di un'impresa familiare specializzata in immobili di lusso. Quali sono le tendenze del mercato immobiliare parigino?

"Il 2021 è stato uno dei nostri anni migliori - dice Valentin Kretz -. La pandemia ha messo in moto qualcosa. Abbiamo chiuso l'anno con un più 50% rispetto al 2020, quindi è stato davvero un grande anno". Olivier Kretz aggiunge che "le persone cercano appartamenti con dello spazio all'esterno, con un giardino, perché hanno sofferto durante i lockdown. I prezzi dei grandi appartamenti senza spazi esterni sono scesi o si sono stabilizzati, mentre i prezzi degli appartamenti con balcone o giardino sono saliti".

Investire nel mercato immobiliare

La pandemia ha cambiato le abitudini dei consumatori e il modo di lavorare degli agenti immobiliari. Ma qual è il punto di vista degli investitori? Sean Coghlan è un dirigente della società di investimenti immobiliari JLL a New York. Gli abbiamo chiesto cosa c'è in serbo per il settore immobiliare nel 2022.

Siamo entrati in nuova era per quanto riguarda il modo di vivere, lavorare e giocare, è un periodo di sperimentazione, dobbiamo ancora capire come creare opportunità. La sostenibilità è diventata imprescindibile, non è più soltanto qualcosa di auspicabile. Gli investitori credono molto nell'innovazione tecnologica, che potrebbe riguardare diverse aree del mercato. Penso che l'anno prossimo diversi gruppi si muoveranno per opportunità di questo tipo nei mercati.

Cala la fiducia nei consumatori nell'eurozona

Sono stati resi noti i dati sulla fiducia dei consumatori nell'eurozona per il mese di dicembre. I prezzi elevati dell'energia e le nuove restrizioni hanno smorzato l'umore dei consumatori. L'aumento dei contagi in alcune parti d'Europa dovuto alla variante Omicron potrebbero frenare le spese durante il periodo natalizio.

La Turchia ha diffuso i dati mensili sulle riserve di valuta estera. Il governo ha dovuto vendere un miliardo di dollari delle sue valute estere per sostenere la lira in picchiata. Da settembre la valuta turca ha perso più del 30% del suo valore sul dollaro, spingendo l'inflazione a livelli record e aggravando la crisi economica del paese.

Resi noti anche i ricavi di Nike per il secondo trimestre. A settembre, l'azienda ha visto al ribasso le sue previsioni per il 2022 a causa dei tempi di transito più lunghi e della carenza di manodopera. Nike si attende un aumento delle vendite del 5%, rispetto a una previsione iniziale di crescita a due cifre.