This content is not available in your region

Regno Unito: la rivincita delle auto elettriche rispetto al diesel

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il mercato delle auto elettriche
Il mercato delle auto elettriche   -   Diritti d'autore  OLI SCARFF/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

A luglio, nel Regno Unito, sono stati registrati più veicoli elettrici che auto diesel per il secondo mese di fila, secondo i dati dell'industria automobilistica.
È la terza volta che il settore elettrico mette la freccia negli ultimi due anni.

Più in generale, anche l'automotive è stato colpito dal cosiddetto "pingdemic", l'isolamento obbligato di numerosi cittadini britannici dopo aver avuto contatti con soggetti positivi al coronavirus.
In questo contesto, le immatricolazioni di nuove auto sono scese di quasi un terzo, ha detto la Society of Motor Manufacturers and Traders (SMMT).

Nel tweet: "123.296 nuove auto registrate. 📉 L'industria rivede le prospettive annuali a 1,82 milioni di veicoli 🔌 La diffusione dei veicoli plug-in accelera al 17,1% del mercato con 21.039 immatricolati a luglio".

La tendenza premia in ogni caso le auto elettriche. Forse anche alla luce del fatto che il Regno Unito prevede di vietare la vendita di nuovi veicoli a benzina e diesel entro il 2030, e gli ibridi entro il 2035. Fatti i conti, se il trend rimane fedele, nel 2050 la maggior parte delle auto sulla strada sarà elettrica o userà celle a combustibile a idrogeno (o qualche altra tecnologia a combustibile non fossile).

Nel frattempo, negli Stati Uniti, Joe Biden sta accelerando le sue politiche sul cambiamento climatico.
Il presidente ha firmato un decreto in cui si chiede che la metà di tutte le nuove automobili vendute negli Stati Uniti siano elettriche entro il 2030, come parte dei piani per ridurre le emissioni dei trasporti.

Gli Stati Uniti, il secondo maggior responsabile di emissioni di gas serra del mondo, sono rimasti indietro rispetto a Cina ed Europa nell'adozione di veicoli elettrici, che rappresentano circa il 2 per cento del mercato contro circa il 6 per cento in Cina, il 10 per cento in Europa e l'11 per cento nel Regno Unito.

L'Unione europea ha inasprito i suoi standard di emissione: un percorso che equivale a un divieto di fatto alla vendita di nuove auto diesel e benzina entro il 2035.