EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"EpiShuttle? Nato per rimpatriare un medico malato di ebola"

In collaborazione con The European Commission
"EpiShuttle? Nato per rimpatriare un medico malato di ebola"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Claudio Rosmino
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'idea di una barella di biocontenimento ultra tecnologica che permetta di somministrare ogni cura senza che i medici indossino DPI ingombranti, nacque per uno scopo preciso...

Fare di necessità virtù. L’origine di EpiShuttle è legata alla necessità di rimpatriare in Norvegia una dottoressa contagiata dal virus Ebola per poi curarla. i colleghi si misero al lavoro per trovare il metodo più efficiente di biocontenimento che gli consentisse di lavorare senza DPI ingombranti e di somministrare ogni cura al malato, in sicurezza.

Ellen Andersen, CEO EpiGuard, racconta che l’idea viene da un gruppo di medici che era responsabile di portare a casa una collega che aveva contratto l'Ebola in Sierra Leone nel 2014. "Dovevano riceverla all'aeroporto quando sarebbe tornata. Così hanno riesaminato tutte le attrezzature esistenti per vedere come potevano proteggere gli operatori sanitari e allo stesso tempo fornire cure mediche efficienti. E quello che hanno scoperto è che l'attrezzatura a disposizione non era abbastanza buona: era necessario aumentare sia la sicurezza degli operatori sanitari che lavoravano con il paziente sia la possibilità di fornire cure intensive durante il trasporto. Normalmente quando si effettuano trasporti di pazienti altamente infettivi, sono necessari dispositivi protettivi su tutto il corpo. E dopo un po' diventa molto caldo, molto faticoso, ed è facile fare errori banali. Ecco perché i medici hanno voluto un prodotto che ha rendesse possibile lavorare con questi pazienti senza indossare tutti questi dispositivi di protezione individuale".

Normalmente quando si effettuano trasporti di pazienti altamente infettivi sono necessari dispositivi protettivi su tutto il corpo e dopo un po' diventa molto caldo, molto faticoso ed è facile fare errori banali. Ecco perché i medici hanno voluto un prodotto che ha rendesse possibile lavorare senza
Ellen Andersen
CEO EpiGuard
Condividi questo articolo