EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Nuovo sistema eye-tracker dall'Università di Utrecht

Nuovo sistema eye-tracker dall'Università di Utrecht
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Hanneke de Bruijne è una madre di tre figli.

PUBBLICITÀ

Hanneke de Bruijne è una madre di tre figli. Nel 2008 le hanno diagnosticato la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), malattia che colpendo le cellule nervose nel cervello e nel midollo spinale arriva a compromettere la respirazione. De Bruijne, che già utilizza una tecnologia di eye-tracker, ha accettato di rientrare nello studio condotto da ricercatori dell’Università di Utrecht per poter disporre di un nuovo impianto, un dispositivo al platino costituito da sensori collegati via cavo ad un amplificatore elettronico. I segnali poi arrivano wireless ad un computer col quale il paziente dialoga.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

MWC2024: l'intelligenza artificiale rimodella l'esperienza d'uso degli smartphone

Digitalizzare le pmi: l'innovazione in mostra a Huawei Connect 2023

Le novità hi-tech del Salone dell'auto di Monaco di Baviera