EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Più Canadair europei contro gli incendi nei Paesi del Mediterraneo

Un aereo Canadair getta acqua su un incendio nel villaggio di Vati, sull'isola di Rodi, nel Mar Egeo, nella Grecia sudorientale, martedì 25 luglio 2023\.
Un aereo Canadair getta acqua su un incendio nel villaggio di Vati, sull'isola di Rodi, nel Mar Egeo, nella Grecia sudorientale, martedì 25 luglio 2023\. Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Commissione europea ha annunciato l'acquisto di 12 nuovi aerei per aumentare la capacità dei Paesi del Sud. Ma arriveranno solo nel 2027

PUBBLICITÀ

Dodici Canadair interamente finanziati dall'Unione europea saranno dispiegati in Croazia, Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna.

Aerei, ma non subito

"Abbiamo raggiunto un accordo con un'azienda produttrice", ha dichiarato a Euronews il commissario europeo alla Gestione delle crisi Janez Lenarčič.

"Saremo in grado di potenziare ulteriormente la flotta aerea antincendio dell'Ue per rispondere a incendi intensi che stanno diventando una nuova normalità".

I Canadair, tuttavia, non saranno disponibili fino al 2027.

Questo mese, Grecia e Tunisia hanno attivato il Meccanismo di protezione civile dell'Ue, che consente ai Paesi di richiedere l'assistenza di altre nazioni per combattere gli incendi. Dal 18 luglio, oltre 490 vigili del fuoco e nove aerei antincendio sono stati dispiegati nei due Paesi.

Nel 2023 oltre 180.638 ettari di terreno sono bruciati a causa degli incendi in Europa, il 29% in più rispetto alla media degli ultimi 20 anni. In Grecia, la superficie bruciata quest'anno è superiore alla media dell'83%.

La flotta europea

L'Ue ha già raddoppiato l'anno scorso la sua flotta aerea di riserva per la lotta agli incendi

"Abbiamo preparato il Piano d'azione per la prevenzione degli incendi boschivi con l'obiettivo di migliorare la capacità amministrativa e le conoscenze delle parti interessate e di aumentare gli investimenti nelle azioni di prevenzione degli incendi boschivi", le parole di Lenarčič.

Secondo il commissario, tuttavia, è essenziale affrontare la causa principale del cambiamento climatico. Le condizioni meteorologiche estreme aggravano gli incendi boschivi: condizioni meteo più calde e secche producono stagioni degli incendi più lunghe e intense.

"La risposta più efficace per limitare i danni è la transizione ecologica"
Janez Lenarčič.
Commissario europeo alla Gestione delle crisi

"La risposta più efficace per limitare i danni di questi devastanti eventi naturali sulle vite, sui mezzi di sussistenza e sull'ambiente è la transizione ecologica", ha dichiarato Lenarčič.

Sebbene il servizio di protezione civile sia di competenza nazionale e l'Ue abbia solo un ruolo di coordinamento, Lenarčič non ha escluso la prospettiva di un servizio antincendio a livello europeo se il forte aumento dei roghi dovesse persistere.

"La probabilità che un servizio antincendio europeo venga allestito dipende ovviamente soprattutto dagli Stati membri stessi. A prescindere da ciò, la Commissione continuerà a fare del suo meglio per svolgere il suo ruolo di supporto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Canada va in fumo: 21000 km quadrati bruciati

La Grecia offre soggiorni gratuiti nel 2024 ai turisti evacuati da Rodi per gli incendi

Incendi, da Dubrovnik a Cascais e alla Sicilia: la mappa dell'Europa che brucia