L'Unione europea e la battaglia per le tecnologie pulite con Cina e USA

President of the European Commission Ursula Von der Leyen delivers her speech during a debate preparing the next European Council meeting.
President of the European Commission Ursula Von der Leyen delivers her speech during a debate preparing the next European Council meeting. Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Redazione di Bruxelles
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il valore di questo mercato sta crescendo molto velocemente e lo scorso anno ha raggiunto i mille miliardi di euro

PUBBLICITÀ

L'Unione europea è disposta a intensificare gli sforzi per non perdere la battaglia per le tecnologie pulite con Cina e Stati Uniti.

Il valore di questo mercato sta crescendo molto velocemente e lo scorso anno ha raggiunto i mille miliardi di euro.

Ma quando si tratta di pannelli solari o simili, l'Unione europea si trova ad affrontare un'enorme dipendenza, poiché la maggior parte dei materiali utilizzati proviene dalla Cina.

Proposte in divenire

Giovedì la Commissione europea presenterà due proposte legislative per rafforzare la propria indipendenza strategica: il Net-Zero Industry Act e il Critical Raw Materials Act.

"Riceviamo il 98% della nostra fornitura di terre rare dalla Cina - dice Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea - il 93% del nostro magnesio dalla Cina, il 97% del litio dalla Cina.

E potete continuare questo elenco ancora e ancora: onorevoli membri, sappiamo che la pandemia e la guerra ci ha insegnato un'amara lezione sulle dipendenze eccessive.

Quindi, se vogliamo essere indipendenti, dobbiamo urgentemente rafforzarci e diversificare le nostre catene di approvvigionamento con partner che la pensano allo stesso modo".

Le strategie dell'Ue

L'Unione europea vorrebbe creare una coalizione di Paesi democratici e di mentalità simile per aumentare la produzione di materie prime e bilanciare il dominio della Cina.

Ursula von der Leyen ha affermato che, accanto a questi punti, l'Unione è disposta a ridurre la burocrazia, spendere di più per la ricerca e allentare le regole sugli aiuti di Stato per rilanciare gli investimenti nel settore.

I membri del Parlamento europeo temono che le misure potrebbero favorire Stati membri più grandi, come Francia e Germania.

"La presidente della Commissione - dice Pedro Marques, europarlamentare portoghese - ha fatto riferimento ad alcuni passaggi riguardanti la questione della burocrazia e la questione degli aiuti di Stato, che secondo noi vanno bene, ma serve molto di più.

Abbiamo bisogno di una vera risposta europea, che significhi aiutare tutti i Paesi europei a rendere davvero più ecologiche le loro industrie, e non solo Germania e Francia.

A causa degli aiuti di Stato, l'80 % è andato alla Germania e alla Francia e ciò non preserva l'integrità del mercato interno".

Dopo la presentazione delle proposte della Commissione, i 27 Stati membri terranno un dibattito sul tema la prossima settimana, in occasione del Consiglio europeo di Bruxelles.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Unione europea, nuovo accordo più ambizioso sulle energie rinnovabili

Von der Leyen-Biden: il faccia a faccia a Washington

Canada: Ursula von der Leyen promuove i legami transatlantici