EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Tagli nelle forniture di gas. I paesi europei cercano soluzioni alternative

I rincari del gas
I rincari del gas Diritti d'autore erge
Diritti d'autore erge
Di Debora Gandini
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il colosso russo del gas è una potenza. Per molti analisti segue le logiche del Cremlino. Ma l'Ue cerca altri mercati

PUBBLICITÀ

Il clima è sempre più teso in Europa dopo la mossa energetica di Gazprom. Il colosso dell'energia ha già ridotto, in modo parziale o totale, i flussi di gas verso 12 paesi dell'Ue. Le forniture tagliate stanno facendo salire i prezzi dell’energia, mettendo sotto stress un’economia sempre più vicina alla recessione.

Le mosse di Gazprom, spesso giustificate da discutibili considerazioni tecniche, hanno sollevato accuse secondo cui la società sta seguendo le direttive del Cremlino. In poche parole sarebbe uno strumento di ritorsione per far pagare all'Unione europea il prezzo delle sanzioni imposte alla Russia dall'inizio della guerra in Ucraina.

Mentre il blocco del gas sta pesando sull’occidente, i mercati globali sono troppo ristretti e il potere di Gazprom è ancora troppo forte. I governi hanno messo in allerta aziende e cittadini a prepararsi al peggio, ovvero alla totale mancanza di gas russo dall'oggi al domani, con conseguente razionamento di energia.

La domanda che tutti si pongono è questa: cosa rende Gazprom così potente?

Scopritelo nel video qui sopra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chi è Keir Starmer, il prossimo primo ministro del Regno Unito

Paesi Bassi: il nuovo governo olandese vuole un opt-out dalla politica migratoria dell'Ue

Perché l'estrema destra sta guadagnando popolarità tra i giovani