This content is not available in your region

Embargo al petrolio russo, ecco cosa prevede

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  AP/Copyright 2021 The Associated Press

I leader dell'UE hanno finalmente concordato un embargo sul petrolio russo. Il compromesso raggiunto include l'eliminazione graduale del petrolio marittimo.

Mentre c'è un'eccezione prevista per il petrolio dall'oleodotto Druzhba che serve Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia e rappresenta il 10% di tutte le importazioni di petrolio dell'UE.

Ciò significa che entro la fine dell'anno l'Europa acquisterà il 90% in meno di petrolio dalla Russia.

Cosa significherà per finanziare l'aggressione russa contro l'Ucraina?

Simone Tagliapietra, Senior fellow presso l'istituto Bruegel: "Sarà un grosso problema perché per la Russia non sarà così facile sostituire il mercato europeo con altri acquirenti. Ci sono anche una serie di colli di bottiglia nelle infrastrutture che rendono difficile il reindirizzamento dei flussi, le infrastrutture petrolifere nazionali in Russia, la capacità dei porti di aumentare le spedizioni, la capacità di trovare tutte le petroliere necessarie per farlo. E inoltre, il fatto che l'invio di queste petroliere in Europa richieda molto meno tempo, rispetto all'invio in Asia".

Ci è voluto quasi un mese per portare a termine l'accordo con il primo ministro ungherese che ha sollevato le obiezioni più rumorose. E non è ancora chiaro quanto durerà l'eccezione per l'Ungheria.

Inoltre, Polonia e Germania possono usufruire di petrolio russo fino alla fine dell'anno poiché entrambe utilizzano la parte settentrionale dell'oleodotto Druzhba che alcuni hanno criticato.

Sergey Lagodinsky, deputato tedesco, presso il gruppo dei Verdi: "La Germania ha fatto un ottimo lavoro nel liberarsi delle dipendenze dal petrolio russo ed è per questo che speravamo che lo stop alle importazioni di petrolio russo fosse immediato - qualcuno ha detto entro la fine dell'estate, adesso si parla della fine dell'anno".

L'UE permette alla Russia circa 20 miliardi di euro al mese di entrate petrolifere, quindi il pacchetto peserà sull'economia di Mosca.