This content is not available in your region

"I piani della Russia per l'Ucraina? Uno stato-fantoccio", ci dice un esperto

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
"I piani della Russia per l'Ucraina? Uno stato-fantoccio", ci dice un esperto
Diritti d'autore  Vadim Ghirda/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

È stata un'altra settimana di frenetica diplomazia per evitare un conflitto militare a tutto campo tra Russia e Ucraina. Eppure, l'Occidente sembra prepararsi proprio a questa eventualità: alla guerra.

Allo stesso tempo, la Russia ha negato, ancora una volta, di avere piani di invadere l'Ucraina, ma poi c'è stato questo momento surreale in un'intervista esclusiva di Euronews con l'ambasciatore russo presso l'UE, Vladimir Chizhov.

Euronews: "Quindi, tutte le opzioni sono sul tavolo per Lei, inclusa un'escalation militare?"

Vladimir Chizhov: "Certamente non una guerra nucleare, no".

Euronews: Buono a sapersi...

Quindi, la Russia potrebbe non usare il nucleare contro l'Ucraina, ma uno scontro convenzionale. Chissà...

Nel frattempo, l'Ucraina ha ricevuto un carico di equipaggiamento militare statunitense per rafforzare le proprie difese, armi, munizioni e altro. Anche i paesi europei stanno facendo uno sforzo, come la Repubblica Ceca.

Questo ha detto Jan Lipavský, ministro degli Esteri ceco: "Il governo ha approvato all'unanimità la proposta del ministro della Difesa di donare 4006 pezzi di munizioni di artiglieria da 152 mm al governo ucraino, in risposta alla richiesta dell'Ucraina di sostenere la propria difesa".

Circa le spedizioni di armi all'Ucraina, tuttavia, nell'Unione europea non sono tutti d'accordo. La Germania, ad esempio, già morbida sulle sanzioni anti-russe, si rifiuta di assecondare, citando una regola politica di vecchia data in quel Paese, come ha spiegato il ministro della Difesa.

Venti di guerra

Così Christine Lambrecht, ministro della Difesa tedesco: "Il governo tedesco ha chiaramente convenuto che non invieremo armi letali, né ci saranno consegne di armi nelle aree di crisi, perché non vogliamo alimentare ulteriormente questo conflitto. Credo che questa sia la strada giusta anche in questo caso".

Tuttavia, Berlino non sta con le mani in mano. Lo stesso ministro della Difesa ha annunciato con orgoglio la spedizione di 5000 elmetti in Ucraina, su 100.000 richiesti dal governo ucraino, secondo i media locali.

Tutto ciò suggerisce che l'Ucraina si dirigerà presto verso una sorta di scontro.

E gli ucraini che cosa ne pensano? A Kiev qual è lo stato d'animo?

Abbiamo incontrato Oleksandr Sushko, direttore esecutivo dell'International Renaissance Foundation a Kiev.

Euronews: Ci parli dell'atmosfera in questi giorni in Ucraina. Le persone sono preoccupate, hanno paura o sono calme e rilassate?

Oleksandr Sushko: (ride) Penso che le persone abbiano più o meno familiarità con la situazione. Tuttavia, il livello di allarme è probabilmente il più alto degli ultimi sette, otto anni.

D: Mosca vuole una sovranità limitata per l'Ucraina e nessuna u lteriore espansione ad est della NATO. È preoccupato che l'Occidente, alla fine farà concessioni per salvare la pace?

Oleksandr Sushko: Penso che la NATO, il voler fermare l'allargamento della NATO, sia una specie di cortina fumogena per Mosca. Stanno combattendo contro l'impatto generale dell'Occidente democratico nell'Europa orientale. Mosca vuole solo costruire la propria sfera di interessi in cui l'unica politica interna e internazionale degli stati vicini sia determinata dalla Russia. La NATO è solo un tassello, un piccolo oggetto sul tavolo, forse il più simbolico, ma non l'unico. E la Russia sta solo cercando un modo per minare l'intera credibilità dell'alleanza (atlantica) e dell'intero occidente.

D: In Occidente si stanno discutendo ulteriori spedizioni di armi in Ucraina: farebbe la differenza data la forza militare russa?

Oleksandr Sushko: Certamente, le potenze militari russe e ucraine sono asimmetriche. L'Ucraina non otterrà mai il livello di potenza militare che ha la Russia. Tuttavia, certamente, prima di tutto, è un segno di solidarietà. E in secondo luogo, penso che abbia un senso consegnare queste armi perché la Russia comprende che con queste armi il costo dell'invasione sarà essenzialmente più alto, specialmente quando si tratta di armi in grado di colpire la loro forza aerea e i loro carri armati, il che è la forza principale dell'esercito russo.

D: Se la Russia invade l'Ucraina, quali sono i prossimi piani del Cremlino? L'Ucraina sarà semplicemente annessa? O Mosca stabilirà un governo fantoccio?

Oleksandr Sushko: È difficile dire quello che vogliono. Penso che falliranno comunque. Ma ciò che possono realisticamente aspettarsi non è un'occupazione completa. La Russia non ha risorse sufficienti per garantire l'occupazione del paese più ostile e della popolazione più ostile. Richiede enormi risorse che la Russia probabilmente non ha. Ma quello che cercheranno di imporre, credo, è qualcosa come un grande modello bosniaco, uno stato disfunzionale che sarà composto da più pezzi. Alcuni di questi pezzi saranno sotto il controllo della Russia e quindi l'intero stato non sarà funzionante. Sarà uno stato fallito.

Nel frattempo a Kiev, la gente ha formato una catena umana per l'annuale Giornata dell'Unità, che segna l'anniversario dell'unificazione del paese nel 1919.

All'epoca, i territori della Repubblica popolare ucraina orientale e della Repubblica popolare ucraina occidentale hanno firamto un Atto di unificazione.

Questa settimana, centinaia di persone hanno tenuto la bandiera nazionale lunga 30 metri, radunandosi su entrambe le sponde del fiume Dnepr per dimostrare l'unità del Paese.

Naturalmente, la manifestazione è stata anche una dimostrazione di solidarietà tra le recenti tensioni al confine e un'espressione di speranza che la pace alla fine prevarrà.