EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Solo un dialogo fra Serbia e Kosovo potrebbe avvicinare Belgrado all'Europa

Solo un dialogo fra Serbia e Kosovo potrebbe avvicinare Belgrado all'Europa
Diritti d'autore  European Union
Diritti d'autore  European Union
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Bruxelles il premier serbo promette ulteriori sforzi per avvicinare il suo paese all'Europa

PUBBLICITÀ

L'UE apprezza il passo avanti compiuto da Belgrado dopo l'esito del referendum per modificare la Costituzione e dare maggiore indipendenza alla magistratura.

Il capo della diplomazia dell'UE, Josep Borrell, e il commissario all'Allargamento, Oliver Vahely, hanno incontrato il primo ministro serbo Anna Brnabic nell'ambito del consiglio di associazione dell'UE e della Serbia che si è svolto a Bruxelles. Belgrado, dal canto suo, sembra pronta a continuare a lavorare per l'integrazione nell'Ue.

Cosi' Anna Brnabic premier serba: "Stato di diritto, riforme della pubblica amministrazione, riforme economiche, agenda verde sono le nostre priorità chiave, questo sarà l'ambito principale del nostro lavoro per l'integrazione europea". 

L'ultimo e più difficile ostacolo all'ingresso della Serbia nell'UE è il raggiungimento di un accordo con il Kosovo. Secondo l'UE è essenziale per stabilizzare la regione.

Josep Borrell, Alto Rappresentante Ue per la politica estera comunitaria, dice: "Il Kosovo e la Serbia devono raggiungere un accordo per consentire al popolo serbo in Kosovo di votare come di consueto per le elezioni serbe"

Poiché è in gioco l'intera sicurezza europea, l'UE vuole evitare che i Balcani possano diventare una delle polveriere europee

Dice il socialista austriaco Andreas Schieder: "La situazione nei Balcani è fragile, è sempre stata complicata, ma al momento è anche fragile e il ruolo delle istituzioni dell'UE, del Parlamento, della Commissione e del Consiglio deve essere quello di avere buoni contatti con tutti e sottolineare che la regione stessa deve calmarsi e cooperare".

L'UE conta su Belgrado per annacquare la retorica revisionista della Republika Srbska in Bosnia Erzegovina sui genocidi degli anni Novanta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kosovo, la protesta dei veterani di guerra per l'aumento delle pensioni

La disputa Kosovo-Serbia sulle targhe aumenta le tensioni tra Prishtina e Belgrado

Tu non mi riconosci, io sì: solidarietà del Kosovo all'Ucraina