EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un green pass con la validità di 9 mesi

Un green pass con la validità di 9 mesi
Diritti d'autore Andrew Medichini/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Andrew Medichini/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Efi Koutsokosta
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione europea propone una durata prestabilita per il green pass. Agli stati membri recepire la direttiva

PUBBLICITÀ

L'Unione europea raccomanda un limite di tempo di 9 mesi per la validità dei certificati di vaccinazione contro il Covid-19 a partire dal 10 gennaio 2022 per i viaggi all'interno e all'interno dell'UE e ha anche aperto la strada all'inclusione di richiami per questi pass.

Il commissario alla Giustizia dell'UE Didier Reynders ha annunciato giovedì un nuovo quadro per gli spostamenti interni all'UE basati più sulla vaccinazione o sullo stato di guarigione delle persone che sul numero di contagi nei paesi da cui provengono.

I governi dell'UE hanno già adottato diverse mi sure per quanto riguarda la durata dei certificati o la gestione delle dosi di richiamo. È iniziato il coordinamento in modo che questo processo possa diventare più agevole per tutti.

Così Didier Reynders-Commissario UE per la Giustizia:  "Uno dei punti fondamentali era la libera circolazione nell'UE che è un diritto fondamentale dei cittadini. Bisogna mantenere l'uguaglianza dei diversi certificati e quindi la possibilità di utilizzare un certificato di vaccinazione, test o guarigione da malattie. Manteniamo questa logica, questo modo di lavorare, che ovviamente non impedisce e l'avete visto, agli Stati membri di decidere un uso interno del certificato per l'accesso ai ristoranti, agli eventi a tutta una serie di attività".

Le proposte andranno ora agli Stati membri per l'approvazione.

Allo stesso tempo, la Commissione europea ha affermato che gli Stati membri dovrebbero rafforzare le campagne di vaccinazione poiché ci sono stati membri che sono ancora in ritardo.

Dice Ursula Von der Lyen- Presidente della Commissione Europea:  "I richiami ci danno un livello di protezione ancora più elevato rispetto alla vaccinazione originale. Eviteranno molti ricoveri e decessi e infine dobbiamo convincere più persone a vaccinarsi. Un quarto degli adulti dell'UE non è ancora completamente vaccinato. Se non sei vaccinato, sei più a rischio di avere gravi sintomi da Covid-19. La vaccinazione protegge te e gli altri". 

In questo contesto, l'Europa si prepara al Natale con un elenco aggiornato di raccomandazioni anche per i viaggiatori provenienti da fuori blocco, con priorità data ai viaggiatori vaccinati che hanno assunto preparati riconosciuti dalle autorità sanitarie europee.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid: arriva la variante "super sudafricana". E l'Ema autorizza il vaccino Pfizer per i bambini

Guerra in Ucraina: sette feriti nell'attacco a Kharviv, scaduto il mandato presidenziale di Zelensky

In Germania inizia il processo per il colpo di stato dei "Reichsbürger" di estrema destra