EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I pro family di Orbán all'europarlamento

I pro family di Orbán all'europarlamento
Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La segretaria di Stato per la famiglia ungherese difende a Bruxelles il piano nazionale per la natalità, ma i socialisti la attaccano: "Misure ingiuste che favoriscono i più ricchi"

PUBBLICITÀ

Il controverso piano per la natalità varato dal primo ministro ungherese Viktor Orbán ha raggiunto Bruxelles. Orbán, come è noto, lo ha lanciato per combattere il calo delle nascite con incentivi finanziari e defiscalizzazioni, includendo anche, ad esempio, prestiti per l'acquisto di autoveicoli per le famiglie numerose.

Ora il segretario di Stato per le famiglie del governomagiaro**, Katalin Novák** ha difeso questa politica al Parlamento europeo ribadendo che "In Ungheria non vediamo l'immigrazione di massa come una soluzione alle nostre sfide demografiche, ma vediamo la soluzione nelle nostre risorse interne. Finché c'è un divario, fiché i giovani avranno meno figli di quanti desiderino averne, ciò significa che abbiamo un compito da svolgere, dobbiamo agire per consentire a questi giovani di avere una famiglia". 

Secondo l'opposizione, i tassi di natalità ungheresi di uno 0,1 al di sotto della media europea, (circa 1, 57 vs 1,47) non giustificano le politiche del governo che ritengono ingiuste, a supporto dei ricchi anziché dei poveri. Klára Dobrev, deputato socialista ungherese, attacca: "I ricchi sono diventati più ricchi e i poveri sono diventati ancora più poveri. C'è solo un Paese in Europa in cui tutti tutto il denaro del governo va alle famiglie più ricche".

I critici affermano anche che i piani del governo ungherese sono a supporto più della propaganda sull'identità nazionale che dei tassi di natalità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria in calo demografico: no agli immigrati, sì alla fecondazione in vitro gratis

Alvise Perez, il "Bukele" spagnolo che vuole cavalcare il malcontento nelle elezioni europee

Paesi Bassi, designato il nuovo primo ministro: è Dick Schoof, ex capo dei servizi segreti olandesi