EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

G20 in Argentina: rischio scontro diplomatico tra i due giganti

G20 in Argentina: rischio scontro diplomatico tra i due giganti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

USA e CINA faccia a faccia: dove ci poterà la loro guerra commerciale?

PUBBLICITÀ

Faccia faccia tra Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping: dove ci poterà la loro guerra commerciale? 18 leader delle più grandi economie del mondo si riuniscono venerdi in Argentina, dove è atteso un confronto diplomatico tra i due giganti.

Alcune delle tariffe commerciali imposte da Trump per proteggere l'economia americana sono già in atto ma il presidente americano avverte di voler andare oltre.

Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l'imposizione di dazi su tutte le importazioni cinesi, potrebbe far ridurre la crescita mondiale fino al 3 % nel 2020.

Fredrik Erixon- Direttore di ECIPE mette in guardia:

"Penso che in generale sia una cattiva notizia per l'economia mondiale, è una cattiva notizia anche per l'Europa sebbene possa rappresentare maggiori vantaggi per le imprese europee, che ora possono competere di più in America o in Cina. In generale parliamo di qualcosa di enorme: la domanda e la crescita economica nell'economia mondiale diminuiranno e cui conseguenza influenzerà anche i produttori europei che vogliono vendere ai consumatori americani e cinesi ".

I leader delle istituzioni europee sono molto preoccupati e in una lettera congiunta Tusk e Jean Claude Juncker avvertono che "i vecchi impegni del G20 di mantenere aperti i mercati, combattere il protezionismo e sostenere il sistema commerciale multilaterale, rischiano di diventare parole vuote".

E poiché Donald Trump minaccia di ritirare gli Stati Uniti dall'Organizzazione mondiale del commercio, l'UE intende proporre una riforma dell'organizzazione. Ma Washington ha bloccato tutte le nomine dei nuovi giudici che dovrebbero prendere il posto di quelli e fine mandato.

"Il rischio è che se l'organismo per la risoluzione delle controversie all'interno dell'Organizzazione mondiale del commercio collassa, l'intera Organizzazione sarà in pericolo perché senza un meccanismo efficace di risolvere le controversie commerciali internazionali, la rilevanza dell'organizzazione verrà meno", spiega Erixon.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Austria, decine di arresti in una manifestazione contro un corteo di estremisti di destra

Più di 11mila iscritti per l'evento dell'estate ungherese: la traversata del lago Balaton

Parigi, Olimpiadi 2024: "La sicurezza sarà priorità assoluta"