Perché gli attivisti per il clima prendono di mira gli aeroporti?

Attivisti per il clima protestano davanti all'aeroporto di Schiphol nel dicembre 2020.
Attivisti per il clima protestano davanti all'aeroporto di Schiphol nel dicembre 2020. Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Di Euronews Green
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Francoforte, Heathrow, Schiphol nel mirino in vista dell'incontro di venerdì con il ministro francese dei Trasporti

PUBBLICITÀ

Gli attivisti per il clima danno il via oggi a due giorni di azioni nei maggiori aeroporti europei, chiedendo di limitare il numero di voli che danneggiano il clima.

Una coalizione di 25 organizzazioni - tra cui associazioni di residenti locali e gruppi ambientalisti - si rivolge agli aeroporti di Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi e Regno Unito.

Chiedono che i voli siano limitati al di sotto dei livelli del 2019, in linea con la storica decisione presa dall'aeroporto Schiphol di Amsterdam.

"Noi, vittime del disturbo aeroportuale e vittime presenti e future del riscaldamento globale, chiediamo ai nostri governi e all'Europa di seguire la strada necessaria aperta dai Paesi Bassi adottando finalmente misure concrete", si legge in una dichiarazione condivisa con Euronews Green.

Queste misure comprendono "la limitazione e la riduzione del numero di voli, assicurando al contempo la riduzione del rumore, dell'inquinamento atmosferico e delle emissioni di CO2 - e la generalizzazione del coprifuoco negli aeroporti, negli aerodromi e negli eliporti".

Dove si svolgeranno le proteste?

Sono previste azioni nei cinque maggiori aeroporti europei: Parigi Charles de Gaulle, Londra Heathrow, Madrid Barajas, Francoforte e Amsterdam Schiphol.

La Francia vedrà la maggior parte delle proteste nella giornata odierna (13 marzo). Secondo una dichiarazione del gruppo Stay Grounded, sono previste 20 mobilitazioni in tutto il Paese per fare pressione sul ministro dei Trasporti.

I gruppi si incontreranno con il ministro venerdì 15 marzo. Stay Grounded afferma che l'incontro sarà seguito alle 12:30 da un "evento musicale umoristico". 

Venerdì sono previste proteste aeroportuali anche in altri Paesi europei.

Perché gli attivisti stanno prendendo di mira i maggiori aeroporti europei?

A detta del gruppo Transport and Environment, i cinque maggiori aeroporti europei emettono più Co2 dell'intera economia svedese.

Secondo le previsioni della stessa industria aeronautica, il traffico aereo è destinato a raddoppiare entro il 2040, osserva Stay Grounded.

"L'aviazione è il modo più veloce per distruggere il pianeta", afferma Magdalena Heuwieser, portavoce del network della campagna.

"Prendere un volo genera più emissioni di quante ne emettano nel mondo in un anno intero parecchie persone. È urgente porre un tetto ai voli a livello aeroportuale".

"I tentativi dell'aeroporto di Schiphol di ridurre la quantità di voli e di vietare i jet privati e i voli notturni devono essere applicati a Parigi e ad altri aeroporti".

Nel 2022, il governo olandese aveva annunciato un piano di riduzione del numero di voli di Schiphol da 500mila a 460mila, soprattutto per limitare l'inquinamento acustico.

Ma ha accantonato il piano nel novembre 2023 in seguito alle proteste di altri Paesi e delle compagnie aeree. La sentenza della Corte suprema sulla questione è attesa nei prossimi mesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia, la polizia allontana Greta Thunberg dall'ingresso parlamento: la protesta per il clima

Il cambiamento climatico minaccia le stazioni sciistiche: gli sport estivi sono il futuro

Clima, protesta di Greta e altri attivisti al Parlamento svedese: "Siamo alla catastrofe"