EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Brasile: mentre la popolazione fa la fila per l'acqua, la siccità estrema fa emergere incisioni di volti umani

Antiche incisioni in pietra su un punto roccioso del Rio delle Amazzoni, esposte dopo che il livello dell'acqua è sceso a livelli record durante la siccità a Manaus, nello Stato di Amazonas, in Brasile.
Antiche incisioni in pietra su un punto roccioso del Rio delle Amazzoni, esposte dopo che il livello dell'acqua è sceso a livelli record durante la siccità a Manaus, nello Stato di Amazonas, in Brasile. Diritti d'autore REUTERS/Suamy Beydoun
Diritti d'autore REUTERS/Suamy Beydoun
Di Euronews Green Agenzie:  Reuters, AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I bassi livelli record dei fiumi hanno portato alla scoperta di antiche incisioni in Brasile, mentre le autorità pubbliche stanno consegnando cibo ai residenti isolati a causa della siccità estrema

PUBBLICITÀ

La grave siccità che sta colpendo il Brasile ha fatto precipitare il livello dei fiumi, rivelando incisioni rupestri di volti umani realizzate fino a duemila anni fa. È una scoperta che suscita sentimenti contrastanti. Come i ritrovamenti emersi durante la siccità dell'estate scorsa in Europa, queste reliquie non sarebbero visibili senza un periodo di scarse precipitazioni così devastante.

I cambiamenti climatici e il fenomeno meteorologico noto con il nome di El Niño hanno fatto sì che il livello del Rio delle Amazzoni nel nord del Brasile sia sceso a minimi record, isolando alcune comunità e uccidendo la fauna selvatica.

Il punto roccioso in cui sono state scoperte le antiche facce si chiama Ponto das Lajes, o Luogo delle Lastre. Si trova nella porzione settentrionale del Rio delle Amazzoni, vicino al punto di confluenza dei fiumi Rio Negro e Solimoes, presso la città di Manaus.

Le incisioni ritrovate non lontano da Manaus, in Brasile
Le incisioni ritrovate non lontano da Manaus, in BrasileSUAMY BEYDOUN/REUTERS

Alcune delle incisioni, che comprendono anche animali, erano state individuate già nel 2010. Ma la siccità di quest'anno è più acuta: il Rio Negro è sceso di 15 metri da luglio, lasciando vaste distese di rocce e sabbia. La scorsa settimana, il fiume Negro registrava un calo di 13,5 metri nel porto di Manaus: il livello più basso da quando sono iniziate le misurazioni ufficiali, 121 anni fa.

Cosa sappiamo delle pareti rocciose del Brasile?

Un'immagine delle incisioni ritrovate in Brasile
Un'immagine delle incisioni ritrovate in BrasileSUAMY BEYDOUN/REUTERS

Ora è perciò visibile una maggiore varietà di petroglifi che aiuterà i ricercatori a stabilire le loro origini, come dichiarato lunedì dall'archeologo Jaime de Santana Oliveira. In un'area sono visibili scanalature lisce nella roccia che si pensa siano il punto in cui le popolazioni indigene affilavano frecce e lance, molto prima dell'arrivo degli europei.

"Le incisioni sono preistoriche o precoloniali. Non possiamo datarle con esattezza, ma in base alle prove dell'occupazione umana dell'area, riteniamo che risalgano a circa mille-duemila anni fa", ha dichiarato Oliveira in un'intervista. "Questa volta non abbiamo trovato solo altre incisioni, ma la sagoma di un volto umano inciso nella roccia", ha aggiunto Oliveira, che lavora per l'Istituto nazionale del patrimonio storico e artistico (IPHAN), e sovrintende alla conservazione dei siti storici.

Accanto al fiume più voluminoso del mondo, la gente fa la fila per l'acqua

Aiuti distribuiti alla popolazione colpita dall'episodio di siccità estrema
Aiuti distribuiti alla popolazione colpita dall'episodio di siccità estremaEdmar Barros/AP

Mentre la siccità amazzonica imperversa, gli attuali abitanti del Brasile hanno un disperato bisogno di aiuto. Le autorità pubbliche si affannano a consegnare cibo e acqua a migliaia di comunità isolate in un territorio vasto e senza strade, dove le barche rappresentano l'unico mezzo di trasporto.

In tutto lo Stato di Amazonas, 59 dei 62 comuni sono in stato di emergenza, con un impatto su 633mila persone. Una delle città più colpite è Careiro da Varzea, vicino a Manaus. Martedì, l'amministrazione locale ha distribuito kit di emergenza utilizzando una chiatta improvvisata, originariamente progettata per il trasporto di bestiame.

Per raggiungere l'imbarcazione, i residenti hanno dovuto percorrere lunghi tratti a piedi attraverso letti di fiumi trasformati in interminabili banchi di sabbia e fango. Hanno ricevuto un pacco con cibo e 20 litri d'acqua: sufficienti per pochi giorni, e pesante da trasportate con il caldo: "Dovrò portare il pacco sulla schiena per mezz'ora", ha dichiarato all'agenzia di stampa Associated Press Moisés Batista de Souza, un piccolo agricoltore della comunità di Sao Lazaro. Il problema più grande è proprio procurarsi acqua potabile. Raggiungere la fonte più vicina può richiedere infatti lunghe marce.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sei ragazzi contro 32 Stati: comincia a Strasburgo il processo per l'inazione climatica

Quale sarà l'impatto del cambiamento climatico su flora e fauna del mare?

Crisi climatica, le temperature del Nord Atlantico mai così alte. Alghe a rischio estinzione