EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I video di salvataggio degli animali su TikTok sono sempre reali?

A SCOPO DI ILLUSTRAZIONE - I falsi video di salvataggio causano gravi danni psicologici e fisici agli animali.
A SCOPO DI ILLUSTRAZIONE - I falsi video di salvataggio causano gravi danni psicologici e fisici agli animali. Diritti d'autore Ellen F. O'Connell/AP
Diritti d'autore Ellen F. O'Connell/AP
Di Sophia Khatsenkova
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I video di salvataggio ricevono milioni di visualizzazioni online, ma spesso sono una messa in scena e causano gravi danni psicologici e fisici agli animali.

PUBBLICITÀ

I video di animali in difficoltà che vengono salvati all'ultimo minuto sono molto popolari su TikTok e YouTube. In genere, gli utenti vedono uno scena particolarmente cruda, come un cucciolo strangolato da un serpente, o un cane legato a un albero o ai binari della ferrovia con la minaccia di un treno in arrivo.

Poi, all'ultimo minuto, vengono salvati da un passante.

Ma, secondo gli attivisti, questi video non sarebbero altro che una truffa, una messa in scena per fare soldi.

Come riconoscere un video di salvataggio di animali inscenato

Questi video possono causare danni fisici e psicologici molto gravi agli animali coinvolti, comprese lesioni e talvolta la morte. In questo articolo, infatti, non inseriremo alcun link ai video o agli account, per evitare di aumentarne like e visualizzazioni.

"Una tendenza a cui stiamo assistendo ultimamente è quella dei video di salvataggio di cuccioli in cui i cani vengono messi in situazioni pericolose e orribili", spiega Nina Jackel, attivista e fondatrice della ONG statunitense Lady FreeThinker.

"Ma poi si vede lo stesso cane in un altro video. Spesso è possibile identificare gli stessi animali utilizzati più volte, e questo naturalmente fa sorgere dei dubbi", spiega Nina Jackel a Euronews Green. Le situazioni in cui si trovano gli animali in questi video sono peraltro molto insolite, e l'eventualità di trovare lo stesso animale in pericolo più e più volte è davvero improbabile. "È possibile che una persona si imbatta occasionalmente in un animale in disperato bisogno, ma non sempre. E se questa è l'unico genere di video pubblicato dal profilo, possiamo cominciare a chiederci se si tratta di un falso canale di soccorso", dice Jackel.

Ma questi video riescono ancora a convincere a commuovere tantissimi utenti social.

Molti dei commenti ai falsi video di salvataggio incoraggiano o ringraziano i "soccorritori umani" per il loro lavoro.

Perché le persone mettono gli animali in situazioni così pericolose o dannose? Perché sui social media, più utenti guardano il video, più soldi guadagna il proprietario del video.

I video più popolari possono fruttare migliaia di euro.

Cosa stanno facendo le piattaforme di social media per fermare questi video?

Nel marzo 2021, YouTube ha annunciato che avrebbe vietato i falsi video di salvataggio di animali.

Da allora, però, ne sono stati pubblicati moltissimi, e centinaia non sono stati cancellati, secondo i dati forniti da Lady FreeThinker. L'associazione ha intentato una causa contro YouTube nel 2021, accusando la piattaforma di non aver rimosso i contenuti relativi agli abusi sugli animali. Il processo legale è in corso.

Come segnalare i falsi video di salvataggio di animali

Cosa si può fare per cercare di porre fine a questi video?

Jackel suggerisce di segnalare immediatamente il video alla piattaforma di social media e di segnalarlo come crudeltà verso gli animali.

"Per quanto sia difficile non condividere, non fatelo. Quando lo si fa, in realtà i creatori del video ottengono più visualizzazioni, il che potenzialmente fa guadagnare loro più soldi. Inoltre, si modifica l'algoritmo in modo che altre persone possano vedere il video nei loro feed suggeriti", ha spiegato Jackel.

"Se potete, non guardatelo nemmeno. Se qualcuno ne condivide uno con voi, non cliccate su play. Cercate di interagire il meno possibile con il video".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione europea propone regole sul benessere di cani e gatti

Il circo etico: ologrammi al posto degli animali

Da Martha, il piccione, a Toughie, la raganella: ultimi esemplari della loro specie