Le rinnovabili e il risparmio di 12 miliardi di euro bloccano il ritorno Ue ai combustibili fossili

Reduced demand over winter led to savings of €12bn of electricity.
Reduced demand over winter led to savings of €12bn of electricity. Diritti d'autore Christof STACHE/AFP
Di Rosie Frost
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Quasi tutti gli stati dell'Ue hanno ridotto la domanda di energia lo scorso inverno, ma solo alcuni tagli erano volontari

PUBBLICITÀ

Lo scorso inverno, le energie rinnovabili hanno generato più energia dell'Ue rispetto ai combustibili fossili per la prima volta in assoluto, secondo il think tank energetico Ember.

Una diminuzione del 7% della domanda di energia ha visto la produzione di combustibili fossili diminuire del 12% rispetto al 2021. 

L'energia a carbone è diminuita dell'11% e il gas del 13%, nonostante i timori che i Paesi dell'Ue possano passare al carbone mentre il blocco cercava di svezzarsi dal gas russo.

Tra i 18 Paesi dell'Ue che utilizzano ancora l'energia a carbone, 15 hanno ridotto la loro produzione di carbone lo scorso inverno: Polonia e Germania, i maggiori utilizzatori di questo combustibile fossile, hanno contribuito per il 70% alla riduzione. 

In Polonia, il carbone ha raggiunto un nuovo minimo nel mix elettrico, scendendo per la prima volta al di sotto dei due terzi di tutta la produzione di energia.

E il Portogallo ha visto il più grande calo percentuale di qualsiasi Paese dell'Ue dopo aver eliminato gradualmente la sua unica centrale elettrica a carbone rimasta nell'inverno 2021.

L'Europa ha superato la crisi energetica invernale

L'analisi di Ember mostra che le energie rinnovabili come l'eolico e il solare hanno prodotto più energia dei combustibili fossili per la prima volta da ottobre 2022 a marzo di quest'anno. 

Costituiscono il 40% dell'energia dell'Unione europea rispetto al 37% dei combustibili fossili.

Il think tank afferma inoltre che la produzione di carbone e gas sarebbe ulteriormente diminuita se non fosse stato per le interruzioni prolungate della rete nucleare francese.

ANDER GILLENEA / AFP
Photovoltaic solar panels and windmills in the background around the Spanish Navarre town of Milagro.ANDER GILLENEA / AFP

"L'Europa ha dovuto affrontare un inverno di crisi, con l'aumento vertiginoso dei costi energetici e le preoccupazioni per l'approvvigionamento innescate dall'invasione russa dell'Ucraina", afferma l'analista di Ember, Chris Rosslowe.

Quest'ultimo aggiunge che per mantenere stabile l'approvvigionamento energetico, l'Ue deve separarsi dai combustibili fossili il più rapidamente possibile.

I tagli alla domanda energetica consentono di risparmiare elettricità per 12 miliardi di euro

Quasi tutti gli Stati membri dell'Ue hanno ridotto la domanda di elettricità lo scorso inverno ma solo la Romania, la Slovacchia e la Grecia hanno raggiunto l'obiettivo volontario del 10% fissato dalla legislazione di emergenza dell'Ue lo scorso anno.

In media, la domanda è diminuita del 6,2% tra novembre e marzo, risparmiando energia elettrica per 12 miliardi di euro.

Ember afferma che questa riduzione è in parte dovuta a temperature superiori alla media in tutta Europa, ma anche l'azione del governo e dei cittadini per risparmiare energia ha avuto un ruolo. 

Tutti i Paesi dell'Ue hanno raggiunto gli obiettivi obbligatori per ridurre il consumo durante le ore di punta del 5%, ad eccezione dell'Irlanda.

Alcuni tagli sono stati volontari, ma altri sono stati imposti dal costo: dati recenti di Eurostat hanno rivelato che nella seconda metà del 2022 i prezzi medi dell'elettricità hanno raggiunto un livello record.

Dopo un aumento significativo dei costi, iniziato prima dell'invasione russa dell'Ucraina, alla fine dell'anno i prezzi sono saliti alle stelle. 

I costi dell'elettricità domestica sono aumentati in tutti gli Stati membri dell'Ue, ad eccezione di Malta e dei Paesi Bassi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Una mega-batteria ad acqua aiuterà la Scozia a raggiungere la net-zero

L'energia eolica e solare: la "spina dorsale" dell'elettricità dell'Unione europea

L'Ue accelera sulle rinnovabili: 42,5% del consumo totale entro il 2030