This content is not available in your region

Costi troppo alti e mancanza di alternative: i problemi della transizione verde in Polonia

euronews_icons_loading
Costi troppo alti e mancanza di alternative: i problemi della transizione verde in Polonia
Diritti d'autore  euronews
Di Euronews

In Slesia, regione carbonifera della Polonia, è in corso una "trasformazione verde". La regione, così come il paese, dipende ancora dall'industria del carbone: chiudere le miniere e abbandonare il carbone non è semplice. "Trasformazione verde" non significa solo "trasformazione energetica", ma anche industriale.

Il sindaco di Rybnik, Piotr Kuczera, ha avviato da anni la transizione ecologica nella sua città, ma i comuni della Slesia non possano farcela da soli: hanno bisogno di aiuto. "Abbiamo diviso la nostra attività in tre parti: prima l'educazione, poi il processo di sovvenzione, e infine l'applicazione di sanzioni in caso di violazioni della risoluzione anti-smog. Oggi ci aspettiamo che i fondi europei e governativi siano inclusi in questo processo di trasformazione economica. Il governo locale non sarà in grado di gestirlo da solo".

L'anno scorso in Polonia sono state estratte più di 54 milioni di tonnellate di carbone fossile e ne sono state vendute circa 53 milioni. Il settore del riscaldamento consuma circa 26 milioni di tonnellate di carbone, la metà delle quali destinate alle famiglie. La Polonia brucia l'87% del carbone usato dalle famiglie in tutta l'Unione Europea.

Henrietta è una 72enne in pensione. Vive da sola ed è malata. Vorrebbe vivere in un ambiente sano. Per ora usa ancora il carbone per il riscaldamento, ma ha già ottenuto un prestito per sostituire il sistema di riscaldamento come imposto dalle nuove regole.

"Ho poco più di 500 euro per pagare tutte le spese - dice Henrietta - e il carbone sta diventando ogni giorno più caro, oltre 220 euro a tonnellata, e io ho bisogno di una tonnellata al mese. Quindi se devo pagare le medicine, il carbone e il prestito... la mia pensione non è sufficiente.

Molte persone come Henrietta possono a malapena permettersi i cambiamenti della transizione verde. Per i minatori abbandonare il carbone troppo in fretta potrebbe causare una crisi energetica. "Temo che questo inverno possa già dimostrare che la Polonia senza carbone non ha molte alternative, al momento - dice Rafał Jedwabny, del sindacato dei minatori di Solidarnosc -. È già certo che dovremo affrontare una crisi. La Polonia non è preparata a un cambiamento così drastico del sistema energetico del paese. I prezzi del gas, oggi, mostrano che i polacchi semplicemente non potranno permettersi l'energia".

Nonostante il cambiamento in corso, il paese non sembra ancora pronto per la chiusura delle miniere. Il governo garantisce che la transizione verde in Polonia andrà a buon fine, ma ammette le difficoltà di garantire la stabilità energetica del paese senza carbone.

"Sono ottimista sulla trasformazione, sul cammino che stiamo facendo - dice Ireneusz Zyska, viceministro del Clima - anche se forse dovremo rassegnarci ad avere una parte di energia basata sul carbone. Stiamo utilizzando tecnologie avanzate per non emettere inquinanti nell'ambiente. Finché la Polonia non rimodellerà il suo sistema, puntando su nucleare e gas come tecnologie ponte, dovremo utilizzare il carbone.

L'anno scorso le miniere polacche hanno prodotto circa 7,2 milioni di tonnellate di carbone fossile meno dell'anno precedente, e ne ha vendute 5,4 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2019. La produzione è diminuita di quasi il 12% e le vendite di oltre il 9%. Tuttavia, nonostante il calo, l'industria del carbone del paese è stabile e genera posti di lavoro per molti polacchi, che, soprattutto nella regione della Slesia, non hanno alternative lavorative.