I rifugi di emergenza di Norman Foster alla Biennale di Venezia

The emergency shelters will last for at least 20 years.
The emergency shelters will last for at least 20 years. Diritti d'autore Chiara Becattini
Di Rebecca Ann Hughes
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'architetto britannico Norman Foster ha svelato una serie di edifici ad assemblaggio rapido che possono essere costruiti in loco e resistono ai disastri naturali.

PUBBLICITÀ

Le inondazioni nel nord Italia hanno provocato lo sfollamento di almeno 36.000 persone negli ultimi giorni, mentre i terremoti in Turchia e in Siria a febbraio hanno lasciato circa 2,5 milioni di persone senza casa.

Dopo disastri come questo, le vittime si trovano costrette a rifugiarsi in tende montate frettolosamente o in fragili capanne prefabbricate.

La Norman Foster Foundation ha presentato un rifugio di emergenza di nuova concezione alla Biennale di architettura di Venezia del 2023 che spera di rivoluzionare l'edilizia abitativa dopo le catastrofi naturali.

La fondazione, avviata dall'architetto, ha collaborato con il gruppo di cemento Holcim per sviluppare l'Essential Homes Research Project.

Un rifugio d'emergenza rivoluzionario

In mostra a Venezia c'è il prototipo di una struttura di emergenza progettata per durare fino a 20 anni. La scala temporale è un promemoria che fa riflettere sul fatto che molti alloggi "temporanei" diventano quasi permanenti quando le comunità sfollate si trovano ad adattarsi al loro nuovo ambiente. L'ONU ha affermato che le famiglie rimangono in alloggi di emergenza per una media di 17 anni.

"I disastri portano alla necessità di alloggi immediati e campi - per lo più in tenda - che offrono una scarsa protezione dagli elementi", ha detto Foster in un'intervista a Dezeen. "E se ci fosse qualcosa che sarebbe più permanente, più durevole, offrendo una maggiore protezione dagli elementi, ma che potrebbe essere realizzato molto rapidamente?"

Un modello in scala reale del rifugio di emergenza di Foster è visibile nei Giardini Marinaressa, accanto ai Giardini dove si trovano molti padiglioni nazionali della Biennale.

La struttura è stata concepita come un edificio a montaggio rapido che può essere costruito in loco e resiste alle intemperie, con una struttura a forma di arco avvolta da un guscio esterno. Realizzata in cemento a basso tenore di carbonio, questa tela viene spruzzata con acqua e diventa rigida in 24 ore. La struttura è isolata termicamente all'interno e lo strato esterno è impermeabile.

Alloggio di emergenza ecologico

Edelio Bermejo, responsabile ricerca e sviluppo di Holcim, ha anche sottolineato il lato ecologico del rifugio, che utilizza il 70% in meno di carbonio rispetto alle abitazioni tradizionali e può essere demolito e riciclato se necessario.

L'alloggio è inoltre progettato per durare nel tempo con una durata di vita di almeno due decenni.

Altri tentativi di migliorare gli alloggi per disastri hanno incluso il Better Shelter della Ikea Foundation senza scopo di lucro, una struttura progettata per durare fino a tre anni.

Gli architetti Shigeru Ban e Yasmeen Lari hanno sperimentato varie soluzioni per rifugi di emergenza come costruzioni di fango.

Nel 2021, l'architetto Mario Cucinella ha progettato una casa di terra stampata in 3D, che può essere formata in 200 ore utilizzando il terreno locale. Anche gli arredi interni di base vengono generati mentre la struttura viene stampata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Canal Grande fluo, nell'acqua trovata la fluoresceina

La Sagrada Familia "sarà completata in occasione del 100° anniversario della morte di Gaudí"

Guida ai migliori calendari dell'avvento del 2023