EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Wagner: un'esperienza che rivoluziona la vita

In collaborazione con
Wagner: un'esperienza che rivoluziona la vita
Diritti d'autore 
Di Katharina Rabillon
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La soprano svedese Nina Stemme e il basso tedesco René Pape sono tra i più ricercati interpreti wagneriani del nostro tempo. In questo bonus, parlano della loro esperienza in Parsifal.

La soprano svedese Nina Stemme e il basso tedesco René Pape sono tra i più ricercati interpreti wagneriani del nostro tempo. In questo bonus, parlano della loro esperienza in Parsifal.

Stemme ricorda: "Non so se l'avessi sentita prima di quando ho lavorato a Bayreuth, ma ero andata ad assistere alla prova generale e sono rimasta completamente sconvolta, soprattuto dal primo atto. La musica per me era un mondo di suoni completamente nuoto, soprattutto in quell'auditorium a Bayreuth. Poi abbiamo usato il primo atto per far addormentare la nostra prima figlia, che era appena nata, come una ninna nanna molto lunga".

Anche Pape ha memorie forti legate a quest'opera: "Ricordo l'epoca in cui studiavo il ruolo di Gurnemanz. È stato un periodo molto intenso. Se aprite la partitura e la sfogliate vedrete che non finisce mai, almeno nel primo atto il ruolo di Gurnemanz è enorme. Ricordo bene le prove generali nel 2003 a New York. Durante il periodo delle prove pensavo sempre: Ok, se arrivi alle ultime parole, alla fine del terzo atto, 'Mezzogiorno, l'ora è giunta, signore permetti al tuo servo di guidarti'... a quel punto il peggio è passato, è fatta. Ma quando ci sono arrivato alle prove finali, ero in uno stato mentale talmente positivo, come se fossi in trance, che volevo continuare a cantare, e mi sono chiesto: perché è finita?"

"Quando sono sul palco - conclude Stemme - sono immersa nella mia parte. È estenuante, dopo sei completamente sfinita ma non lo senti perché stai pompando adrenalina, ed è così che dev'essere perché penso che il pubblico voglia sentire il sacrificio artistico che facciamo sul palco, che voglia sentire quanto diamo di noi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra

Con "Champion" il Met vuole conquistare un pubblico più ampio