EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Unione dei mercati dei capitali: Cosa succederà dopo le elezioni europee?

I trader siedono davanti ai loro schermi al mercato azionario di Francoforte, in Germania (foto di repertorio)
I trader siedono davanti ai loro schermi al mercato azionario di Francoforte, in Germania (foto di repertorio) Diritti d'autore Michael Probst/AP
Diritti d'autore Michael Probst/AP
Di Angela Barnes
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un piano per sbloccare i finanziamenti per la crescita dell'Europa è in cima all'agenda politica da oltre un decennio, anche se realizzare un mercato finanziario unico per i capitali in tutto il continente non è un compito facile

PUBBLICITÀ

Questa settimana i cittadini di 27 Paesi europei andranno alle urne per eleggere i nuovi membri del Parlamento europeo, che procederà poi alla nomina del suo presidente come prima azione dopo le elezioni del 6-9 giugno.

La domanda è: la nuova leadership europea condividerà lo stesso punto di vista sull'Unione dei mercati dei capitali? E ci sarà la volontà politica per vedere la sua realizzazione?

L'iniziativa Capital Markets Union (Cmu) è stata lanciata dalla Commissione Jean-Claude Juncker, che ha adottato il primo piano d'azione Cmu nel settembre 2015. Il progetto prevedeva un elenco di oltre 30 azioni volte a creare gli elementi costitutivi di un mercato dei capitali integrato nell'Ue entro il 2019.

Se si arriva al giugno 2024, il piano generale della Cmu, cioè creare un mercato unico dei capitali in tutto il territorio dell'Ue con investimenti e risparmi che fluiscono attraverso i suoi confini, non è ancora stato realizzato.

Perché è necessaria un'Unione dei mercati dei capitali?

Mairead McGuinness, attuale commissario Ue per i servizi finanziari, la stabilità finanziaria e l'unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato in un articolo sul Financial Times uscito a marzo che attualmente l'Ue non offre alle imprese nazionali sufficienti opzioni di finanziamento dai mercati dei capitali.

Di conseguenza, le imprese si rivolgono altrove. Per esempio, Birkenstock, il marchio tedesco di calzature, ha deciso di raccogliere fondi quotandosi l'anno scorso alla Borsa di New York, invece che in una borsa di Francoforte, Parigi o Amsterdam.

È solo un esempio di una grande azienda europea che ha dovuto rivolgersi all'estero per trovare finanziamenti e risorse. Un problema che secondo McGuinness deve essere affrontato.

McGuinness ha anche ampiamente sottolineato come l'Europa sia in ritardo rispetto agli Stati Uniti e alla Cina per quanto riguarda i mercati dei capitali, il che a sua volta limita le prospettive delle imprese europee che vogliono crescere, innovare e creare posti di lavoro nell'UE.

Cosa impedisce all'Unione dei mercati dei capitali di progredire

Sebbene siano state concordate molte misure normative, gli interessi nazionali degli Stati membri hanno impedito al piano Cmu di avanzare.

La Francia e la Germania si sono dimostrate favorevoli alla Cmu, mentre diversi Paesi sono riluttanti a cedere un maggiore controllo a Bruxelles e molti di essi temono i costi aggiuntivi per le loro industrie finanziarie nazionali.

Di conseguenza, i sistemi finanziari di tutto il blocco rimangono frammentati e le leggi specifiche di ogni Paese continuano a ostacolare i finanziamenti transfrontalieri.

In sostanza, le norme sugli investimenti e sull'insolvenza devono essere unificate per facilitare gli investimenti transfrontalieri. I leader dei governi nazionali dovranno accettare questo puntio per realizzare il Cmu, il che richiederà lo stesso livello di volontà politica che ha creato il mercato unico europeo nel 1993.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tesla: assemblea azionisti dà ok a maxi compenso di Elon Musk da 52 miliardi di euro

Cina, dazi Ue su auto elettriche è "protezionismo": toni da guerra commerciale da Pechino all'Europa

L'azienda energetica tedesca Uniper ha annullato i contratti con Gazprom