Com'è andata l'economia europea durante il mandato von der Leyen?

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si rivolge a una conferenza stampa al termine di un vertice dell'UE a Bruxelles, venerdì 22 marzo 2024.
La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si rivolge a una conferenza stampa al termine di un vertice dell'UE a Bruxelles, venerdì 22 marzo 2024. Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Virginia Mayo/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Eleanor Butler
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Che cosa ha significato per i problemi economici dell'Europa il suo incarico quinquennale al vertice della Commissione europea?

PUBBLICITÀ

Quando l'Europa voterà per il nuovo Parlamento a giugno, il risultato influenzerà indirettamente la nomina del nuovo presidente della Commissione europea.

Dopo cinque anni di mandato, la politica tedesca Ursula von der Leyen si mette di nuovo in gioco, sperando di mantenere il titolo di leader del braccio esecutivo dell'Unione europea.

Considerato il contesto più ampio del suo mandato, von der Leyen sta concludendo questa tappa lasciando un'eredità significativa.

Raramente un capo della Commissione ha affrontato così tante sfide, in particolare la pandemia di Covid-19, l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e il picco inflazionistico innescato da questi due eventi.

Sebbene la politica monetaria sia di competenza della Banca centrale europea, la Commissione ha un ruolo importante negli affari economici, in quanto definisce politiche volte a promuovere la crescita.

La crescita, essenziale per mantenere un buon tenore di vita, è attualmente stagnante in tutta l'Unione.

I difensori di von der Leyen potrebbero addurre una notevole dose di sfortuna. I critici direbbero che la cattiva gestione non ha aiutato.

Nel suo discorso annuale al Parlamento europeo, l'anno scorso, l'attuale presidente della Commissione ha illustrato le sue vittorie a favore della crescita, sperando di attrarre gli eurodeputati del suo Partito popolare europeo di centro-destra.

A più di sei mesi di distanza, con una nuova era politica all'orizzonte, Euronews esplora alcuni momenti economici chiave della presidenza von der Leyen.

Fondo Ue di nuova generazione

Una delle iniziative finanziarie più importanti della Commissione negli ultimi anni è stato il programma NextGenerationEU, noto anche come Ngeu.

Nel tentativo di risollevare l'economia europea colpita da una pandemia, i Paesi dell'Unione europea hanno deciso di mettere insieme i fondi, nella speranza di evitare il ripetersi della crisi dell'euro di 10 anni prima.

Gli Stati membri con le maggiori necessità economiche, come la Croazia o la Grecia, hanno ricevuto i maggiori aiuti. In segno di solidarietà, le Nazioni più ricche, come la Danimarca o l'Irlanda, hanno ricevuto meno.

Il successo del pacchetto, del valore di circa 832 miliardi di euro, è ancora in fase di valutazione.

Sebbene l'Ngeu sia diventato operativo nel 2021, gli Stati membri devono presentare proposte di spesa per sbloccare i fondi, una clausola che ha ritardato l'assegnazione delle risorse.

Il termine ultimo per spendere gli assegni è il 2026, un limite che secondo alcuni è troppo restrittivo.

Alcuni progetti infrastrutturali, come il miglioramento dei sistemi di trasporto e delle infrastrutture, non possono essere realizzati da un giorno all'altro.

I critici sostengono anche che la portata di uno stimolo una tantum è limitata quando si tratta di creare servizi che richiedono personale permanente, come il sostegno all'infanzia.

Tuttavia, nonostante i suoi difetti e nonostante sia arrivato con molto più ritardo rispetto alla sua controparte statunitense, l'Nngeu si è rivelato fruttuoso.

PUBBLICITÀ

Insieme agli sforzi della Banca centrale europea, il fondo ha contribuito a calmare la frenesia dei mercati al culmine della pandemia.

"NextGenerationEU ha svolto un ruolo chiave nel preservare gli investimenti pubblici, uno sviluppo che si pone in netto contrasto con l'esperienza disastrosa degli anni successivi alla crisi finanziaria, quando gli investimenti pubblici sono crollati", ha dichiarato il mese scorso il commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni.

"Sulla base delle nostre previsioni d'autunno, il rapporto investimenti pubblici/Pil dell'Ue dovrebbe salire al 3,5 per cento del Pil nel 2025, rispetto al 3,0 per cento del 2019. E circa la metà di questo aumento è legato ai finanziamenti dell'Ue".

Transizione verde ed energia: cosa prevede il Green Deal Ue

Fino al 30 per cento del pacchetto NextGenerationEU sarà finanziato con obbligazioni verdi, il che significa che sarà utilizzato solo per finanziare progetti ecologici.

Questa iniziativa si colloca sotto l'arco della più ampia strategia ambientale del blocco: il Green Deal dell'Ue.

PUBBLICITÀ

Approvato nel 2020, il Green Deal stabilisce l'impegno dell'Europa a diventare neutrale dal punto di vista climatico nel 2050 e ha implicazioni significative per l'economia.

Il cambiamento delle modalità di produzione e consumo dei beni da parte dell'Ue comporterà indubbiamente la perdita di posti di lavoro e le recenti proteste degli agricoltori in Europa sono un esempio lampante della paura reale che circonda la transizione verde.

Gli agricoltori sostengono che le richieste dell'Ue in materia di ambiente siano troppo esigenti per consentire loro di guadagnarsi da vivere in modo equo.

Nel lungo periodo, la Commissione sostiene che il Green Deal avrà comunque un effetto positivo, aumentando la competitività dell'Ue grazie alla creazione di posti di lavoro in settori ecologici.

Luis Cano, portavoce del partito Alde e della campagna Renew Europe Now, ha dichiarato a Euronews che la von der Leyen non è riuscita a trasformare le strategie ambientali in strategie di crescita, nonostante il successo del suo fondo di assistenza per la pandemia.

PUBBLICITÀ

Lanciata nel 2014, l'Unione del mercato dei capitali mira a facilitare il flusso di fondi tra gli Stati membri.

Questo, in teoria, potrebbe accelerare le ambizioni dell'Unione europea in materia di clima, facilitando gli investimenti delle imprese al di là delle frontiere. In realtà, le barriere del mercato nazionale stanno ancora bloccando i progressi.

Il de-rischio della Cina

Il tentativo dell'Europa di decarbonizzare la propria economia dipende anche dalla politica globale e dalla sua inclinazione al protezionismo.

Attualmente, il blocco viene inondato di tecnologia verde a basso costo dalla Cina, leader nella produzione di pannelli solari e batterie elettriche.Sebbene queste importazioni siano un pilastro fondamentale della transizione europea, ci sono preoccupazioni per l'impatto sui posti di lavoro dell'Ue, per non parlare della resilienza politica del blocco.

Per gli scettici del clima, un aspetto positivo del Green Deal è il miglioramento della sicurezza energetica. L'Europa aveva previsto di ridurre la sua dipendenza dal gas russo rafforzando l'energia di origine nazionale.

PUBBLICITÀ

Ora, l'idea che la Cina possa potenzialmente razionare la tecnologia verde - e quindi tenere l'Europa in ostaggio - è tutt'altro che allettante.

In risposta a queste preoccupazioni, **von der Leyen sta attualmente parlando con toni duri quando si tratta di proteggere il mercato europeo.**L'anno scorso, la Commissione ha avviato un'indagine antisovvenzioni sui veicoli elettrici cinesi e non ha escluso la possibilità di imporre tariffe punitive.

Rebecca Christie, senior fellow del think tank Bruegel, sostiene che non sarebbe saggio.

"Questo è un settore in cui credo che ciò che von der Leyen sta facendo e ciò su cui sta facendo campagna elettorale divergano un po'. Per quanto riguarda la campagna elettorale, deve dimostrare di avere un piano per la Cina, e di stare attenta alla percezione del rischio", ha detto.

Carenza di manodopera

Un'altra preoccupazione pressante per le imprese europee riguarda la carenza di manodopera e di competenze, ha dichiarato Iratxe García Pérez, presidente del gruppo S&D.

PUBBLICITÀ

"Il nostro approccio è quello di investire nelle persone attraverso la formazione, l'istruzione e lo sviluppo professionale. Il nostro gruppo ritiene che l'economia europea sarà più efficiente e competitiva con una forza lavoro ben formata e trattata equamente".

L'Ue soffre attualmente di un forte squilibrio del mercato del lavoro. Mentre alcuni settori hanno un'eccedenza di lavoratori qualificati, in altri c'è un'enorme carenza di personale.

Secondo l'ultimo rapporto di Eures, una rete europea del lavoro, tutti i 27 Stati membri, più la Norvegia e la Svizzera, hanno registrato carenze di manodopera nel secondo e terzo trimestre del 2022. I settori più colpiti sono stati quelli del software, della sanità, dell'edilizia, dell'ingegneria e dell'artigianato.

Questa tendenza, che finirà per limitare la crescita economica, si aggraverà con l'invecchiamento della popolazione europea. Con l'aumento del rapporto tra lavoratori e pensionati, le imprese faticheranno a trovare manodopera sufficiente per soddisfare le esigenze dei consumatori.

Un'opzione, anche se potrebbe non essere una soluzione sostenibile, è quella di aumentare il flusso migratorio verso l'Europa.

PUBBLICITÀ

Karel Lannoo, direttore generale del think tank Ceps, ha dichiarato a Euronews che von der Leyen ha evitato di affrontare pienamente la questione perché politicamente sensibile.

"Se si chiede la reindustrializzazione, si richiede un'enorme immigrazione - perché sappiamo che c'è un'enorme carenza nel mercato del lavoro", ha spiegato,

"La Commissione non dovrebbe avere paura di dirlo in pubblico".

L'eredità di un primo mandato

Nel considerare il bilancio di von der Leyen negli ultimi cinque anni, potremmo semplicemente elencare i suoi obiettivi rispetto ai risultati attuali.

Tuttavia, nel farlo, è importante non semplificare eccessivamente gli intricati meccanismi del sistema europeo.

PUBBLICITÀ

A differenza del capo di un governo nazionale, che può attuare le politiche in modo più diretto, il ruolo della Commissione è quello di incoraggiare gli Stati membri ad agire.

Una delle sfide dell'Unione è che un'azione significativa richiede una cooperazione su larga scala, cosa che von der Leyen è riuscita a ottenere, almeno in alcune occasioni, durante il suo mandato.

Guardando al futuro della Commissione, se von der Leyen vincerà un secondo mandato, molto dipenderà ancora dalle convinzioni del nuovo Parlamento e dei leader nazionali.

"Ursula von der Leyen ha guidato con coraggio l'Unione europea attraverso due delle crisi più significative degli ultimi decenni", ha dichiarato a Euronews un portavoce del Ppe.

"Nella prossima legislatura, sotto la guida di von der Leyen, vogliamo rafforzare la competitività economica globale dell'Europa".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scienza, economia e sport: Donne che fanno la differenza in Qatar

La Germania scalza il Giappone: è la terza economia mondiale

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa