EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il summit virtuale dell' OIL e la generale comunità d'intenti

Il summit virtuale dell' OIL e la generale comunità d'intenti
Diritti d'autore AP
Diritti d'autore AP
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I maggiori dirigenti delle importati organizzazioni internazionali reclamano un approccio globale per contrastare l'impatto della pandemia da coronavirus

PUBBLICITÀ

I maggiori dirigenti delle importati organizzazioni internazionali reclamano un approccio globale per contrastare l'impatto della pandemia da coronavirus che secondo il direttore generale dell'Organizzazione internazionale del lavoro Guy Ryder ha fatto precipitare il mondo delle attività lavorative in una "crisi senza precedenti". Una considerazioni probabilmente banale che tuttavia in occasione del vertice virtuale dell' OIL  è stata declinata in tanti aspetti da analizzare con attenzione. Preoccupazione la esprime anche il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, che sottolinea quanto tutto resti comunque interconnesso e non esiste una scelta privilegiata fra "salute, occupazione e economia. Vinceremo su tutti i fronti - ha puntualizzato - oppure falliremo su tutta la linea."

La situazione molto incerta del mercato del lavoro

Le prospettive per il mercato globale del lavoro nella seconda metà del 2020 sono "altamente incerte" e le previsioni di ripresa non saranno sufficiente affinché l'occupazione torni quest'anno ai livelli pre-pandemici,ha dichiarato ufficialmente l'Organizzazione Intermazionale del Lavoro la scorsa settimana. "Al fine di gettare le basi per una solida ripresa, le politiche monetarie, quelle fiscali e commerciali dei paesi devono fare di tutto per convergere verso una stessa direzione - ha detto Roberto Azevêdo, direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio - E devono essere accompagnate da politiche del lavoro e investimenti sociali per garantire che nessuno venga lasciato indietro".

L'accelerazione digitale necessaria ma non sufficiente

La compulsiva accelerazione del lavoro digitale e a distanza non esime comunque nessuno dal ripensare una distribuzione equa e solidale delle risorse. L'interconnessione di cui tutti parlano vuole alludere ad una reale impossibilità ad uscirne da soli in un mondo disastrato ma è anche vero che a livello delle scansioni sociali di ogni società una cosa è trascorrere il tempo di crisi con un conto in banca corazzato e un conto è non avere i soldi per mettere insieme il pasto con la cena. Per il macrosistema Kristalina Georgieva, che governa sul Fondo monetario internazionale, "sarà fondamentale investire in competenze e infrastrutture digitali e dobbiamo riflettere attentamente sui modi in cui possiamo assicurarci che una rapida crescita nel settore digitale porti a vantaggi ampiamente condivisi tra le nostre società".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tesla: assemblea azionisti dà ok a maxi compenso di Elon Musk da 52 miliardi di euro

Cina, dazi Ue su auto elettriche è "protezionismo": toni da guerra commerciale da Pechino all'Europa

L'azienda energetica tedesca Uniper ha annullato i contratti con Gazprom